Pescara, lavori fermi da tre anni in via Misticoni. Blasioli: «spiegazioni»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1308

PESCARA. Sono passati tre anni e sul tratto di via Misticoni (a sud della stazione Portanuova) che avrebbe dovuto collegare via Arnaldo da Brescia con via San Francesco, non restano che polveri, pozzanghere e fango, breccia.

A denunciarlo è il consigliere comunale Antonio Blasioli allarmato dai residenti della zona, «costretti ad ingoiare ed inalare la polvere prodotta dalla circolazione su un terreno non asfaltato e privo di qualsiasi sicurezza in estate e di fare slalom tra le pozzanghere in inverno».

Il consigliere ha depositato una interrogazione al sindaco di Pescara per capire le ragioni del ritardo.

I lavori mai partiti risalgono al 2008 quando il Comune firmò un accordo di programma con la società Gestimmobili s.r.l. che avrebbe dovuto realizzare il tratto di collegamento tra via Arnaldo da Brescia e via San Francesco costruendo tracciati carrabili, pedonali e ciclabili, il sistema fognario di via degli Equi e il collegamento della condotta fognaria esistente in via Seneca fino alla nuova condotta di via degli Equi. Allo stesso tempo, la ditta avrebbe potuto realizzare una palazzina.

Risultato? Sono passati 3 anni e mentre lo stabile è già stata costruito ed è abitato, della via neanche l’ombra. «Mancano la strada, il collettore e ci sarebbero delle pompe di sollevamento temporanee». Il cantiere è semi-paralizzato e i cittadini del luogo sono esasperati.

«Cosa ne è stato», dice Blasioli, «di quella che avrebbe dovuto essere un’arteria strategica per la viabilità di Porta Nuova? Oggi albergano solo fango, pozzanghere, che si trasformano in veri e propri stagni ad ogni pioggia e polvere. Al fine di accertare la situazione e venire incontro alle richieste dei residenti ho presentato un’interrogazione in Comune anche per cercare di risolvere definitivamente il problema e completare la realizzazione della strada e delle opere pubbliche».

10/11/2011 11.38