Alanno, approvate due importanti varianti al piano regolatore

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2013

ALANNO. L’amministrazione comunale di Alanno, guidata dal sindaco Enisio Tocco, punta tutto sulla riqualificazione urbana e sulle sue contrade.

 

Per questo durante l'ultimo Consiglio comunale ha approvato due varianti al piano regolatore. La prima, che punta a completare i lavori già messi in campo dall'amministrazione ad Alanno Scalo, prevede il completamento del parcheggio dietro la chiesa parrocchiale, frequentata da molti fedeli e situata in una zona trafficata, nonché una strada e un ponte di collegamento fra lo stesso parking e la strada provinciale, per un costo complessivo di 203 mila euro (150 euro di mutuo e 53 mila euro di ribasso d'asta dei lavori di messa in sicurezza di Alanno Scalo).

La seconda, invece, prevede, tramite un mutuo di 70mila euro, la realizzazione di un parco a Contrada Case, che verrà composto da uno spazio attrezzato a verde pubblico, giochi per bambini, panchine, una fontana e anche un barbecue in pietra dove i cittadini potranno fare picnic e cucinare all'aperto.

«I lavori dovrebbero partire la prossima primavera – spiega il sindaco Tocco -, dopo che saranno sbrigate le procedure burocratiche e saranno trascorsi i tempi di legge che dalla pubblicazione portano alla gara d'appalto. Con queste due nuove opere, poi, potremmo concludere la programmazione presentata ai cittadini da questa amministrazione comunale che, sin dalla campagna elettorale, aveva assicurato molta attenzione alle sue numerose contrade. Il parco in Contrada Case, infatti, che è stato condiviso con gli abitanti della zona, ha l'obiettivo di urbanizzare e rendere sempre più vivibili le aree ex-rurali di Alanno, fino a qualche decennio fa completamente sconnesse al tessuto cittadino».

 Per omogeneizzare il territorio, quindi, il Comune ha puntato sui servizi da portare verso quelle che potrebbero essere definite le periferie, in modo da legarle sempre più profondamente al centro del paese. «Adesso, però, le vogliamo riqualificare, perché non esistono cittadini di serie A e serie B, creando lì centri di aggregazione e aree pubbliche che possano rendere la vita  di tutti i giorni dei cittadini della zona più agevole. In tal senso, nel piano triennale delle opere pubbliche, abbiamo programmato anche di costruire una pizza in Contrada Prati».

 

10/11/2011 8.52