Gdf scopre evasione fiscale da 6 milioni di euro, nei guai un imprenditore

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3605

MONTESILVANO. Le Fiamme Gialle di Pescara hanno scoperto un evasore totale, rappresentante legale di una società di Montesilvano che opera nel settore dell’abbigliamento.*FATTURE FALSE PER 35MLN DI EURO: 9 PERSONE DEUNCIATE, COINVOLTE 46 SOCIETA’

L'uomo avrebbe omesso di presentare le dichiarazioni dei redditi nel periodo 2005/2009.

L’attività condotta dai finanzieri della Compagnia di Pescara, coordinati dal colonnello Maurizio Favia, ha consentito di scovare quasi 6 milioni di euro di ricavi sottratti all’erario, con una quantificazione poi di imposta sul valore aggiunto dovuta per poco più di un milione. Ma i guai per l’imprenditore non si sono fermati alla evasione fiscale scoperta.

Durante il controllo, i finanzieri hanno rinvenuto tutta una serie di documenti e materiali interessanti: alla rinfusa, ma abilmente nascoste all’interno di un garage deposito della ditta, sono state trovate addirittura carte d’identità, tessere sanitarie, patenti di guida, buste paghe riconducibili a vari soggetti, modelli di assicurazione auto in bianco e timbri di vari uffici anagrafici. Insomma, tutto materiale che c’entrava poco con la vendita di giacche e pantaloni. Sono partite così le indagini, sotto il coordinamento del Sostituto Procuratore della Repubblica di Pescara, Mirvana De Serio, tese a chiarire la provenienza e l’utilizzazione di tutti questi documenti.

Le Fiamme Gialle hanno scoperto così che, utilizzate sofisticate tecniche per la riproduzione, le buste paga, le carte di identità e l’altra documentazione venivano usate per ottenere finanziamenti da svariati istituti di credito e società finanziarie. Insomma una vera e propria truffa ai danni di società assicurative, finanziarie e banche.

Il complessivo giro scoperto dai finanzieri, al termine di una indagine di circa un anno, è pari a circa 200mila euro sottratti abilmente da parte di sei soggetti, segnalati all’autorità giudiziaria per la contraffazione di pubblici sigilli destinati a pubblica autenticazione, falsità materiale e truffa.

Nei confronti dei sei italiani, tutti residenti nell’hinterland pescarese fatta eccezione per un pugliese di Lucera senza fissa dimora, tutti con una età compresa tra i 33 ed i 56 anni, è scattata anche l’accusa di associazione a delinquere.

05/10/2010 13.27

[pagebreak]

FATTURE FALSE PER 35MLN DI EURO: 9 PERSONE DEUNCIATE, COINVOLTE 46 SOCIETA’

 SULMONA.  La Guardia di Finanza di Sulmona (L'Aquila) ha scoperto un giro di fatture false per oltre 35 milioni di euro, che coinvolgeva 46 società di vari settori, operanti in tutta Italia, e ha portato alla denuncia di 9 persone, accusate, a vario titolo, di bancarotta fraudolenta, emissione di fatture per operazioni oggettivamente e soggettivamente inesistenti e occultamento e distruzione di documenti contabili.

Alla scoperta del giro illecito si è arrivati dopo controlli su una società edile (di cui non è stato divulgato il nome) con sede legale a Sulmona che, pur avendo effettuato notevoli operazioni commerciali, non aveva struttura amministrativa e commerciale adeguata né personale dipendente, e per evitare verifiche aveva trasferito fittiziamente la sede legale in Romania, nominando nuovo amministratore un cittadino romeno, poi rivelatosi estraneo ai fatti.

Dalla società di Sulmona, gli investigatori, coordinati dal comandante Edgar Pace, sono risaliti al meccanismo delle società fittizie, create per soddisfare, grazie a una serie di fatture per operazioni inesistenti, i tornaconti illeciti (formazione di indebiti costi e crediti Iva) di altre imprese, operanti in vari settori e su tutto il territorio nazionale.

Gli illeciti amministrativi e penali contestati alle imprese hanno condotto le Fiamme Gialle al recupero di circa 9 milioni di euro di costi non deducibili, perché documentati da fatture false, e oltre 3,7 milioni di euro di Iva evasa, nonché al recupero a tassazione di circa 9 milioni di base imponibile ai fini dell'Irap. Dalla società di Sulmona è stata recuperata un'imposta Iva dovuta di circa 4 milioni.

 05/10/2010 18.28