Ritrovata donna scomparsa ieri sera: è in stato confusionale ma sta bene

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1760

CAPPELLE SUL TAVO. Questa mattina, alle ore 13 circa, i carabinieri della Stazione di Spoltore hanno rintracciato T.M. di anni 44, residente a Spoltore.

 La donna, da tempo sofferente di crisi depressive, alle ore 17 di ieri, dopo aver salutato il marito convivente, è uscita di casa per fare la solita passeggiata. La donna    non è poi rientrata, come di consueto, per l’ora di cena. Il marito, invalido civile con problemi di deambulazione, ha allertato i perenti più vicini i quali, dopo aver effettuato le prime ricerche nei luoghi abituamente frequentati dalla donna, si sono rivolti ai carabinieri.

         Subito dopo la segnalazione, tenuto conto dello stato di salute della donna, la Centrale Operativa dell’Arma, dopo aver proceduto alla localizzazione del cellulare che aveva al seguito, ha inviato sul posto i militari di Spoltore che hanno condotto le ricerche della scomparsa, con l’ausilio di una Unita' cinofila del Nucleo di Chieti , dei Vigili del fuoco di Pescara, una Sezione cinofili dei Vigili del Fuoco di Ancona, un velivolo del Nucleo Elicotteri della Questura di Pescara, personale delle Polizie Municipali di  Cappelle sul Tavo e Spoltore, motociclisti a bordo di quad della “Misericordia” di Pescara.



Le operazioni condotte ininterrottamente tutta la notte, hanno consentito nella tarda mattinata, grazie anche alle segnalazioni di alcuni cittadini, di rintracciare la donna, in un terreno agricolo nei pressi della località Villa Santa Maria. Secondo le prime ricostruzioni dei militari la donna avrebbe vagato nelle campagne per diverse ore in stato confusionale, perdondo quindi l’orientamento. Successivamente, causa anche il sopraggiungere dell’oscurità, sarebbe terminata in una zona scoscesa ed impervia da cui non sarebbe più riuscita a fare rientro. Il tempestivo avvio delle ricerche da parte dei militari insieme a tutto il personale intervenuto ha impedito che una brutta avventura potesse concludersi con conseguenze ben più gravi.

04/10/2011 15.15