Stadio Adriatico pronto per ospitare gli Azzurri

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1438

PESCARA. Il campo dello Stadio ‘Cornacchia’ è pronto ad accogliere oggi la partita casalinga del Pescara e il prossimo 11 ottobre l’incontro della Nazionale Azzurra con l’Irlanda del Nord.

Il nuovo sopralluogo di ieri dell'amministrazione comunale ha consentito di verificare con i tecnici e gli agronomi la soluzione di quelle criticità riscontrate nel corso della partita con il Crotone. «Il prato erboso è perfettamente verde», ha assicurato il sindaco Luigi Albore Mascia, «l’erba è tornata a ricoprire ogni angolo della struttura dove, nei giorni scorsi, era stata eseguita la manutenzione di alcune zolle, ed è stata completata anche la pulizia straordinaria del fosso che gira tutt’attorno all’impianto, garantendo il perfetto drenaggio del campo stesso».

Giovedì prossimo, 6 ottobre, tornerà a Pescara l’agronomo della Federazione Gioco Calcio per un ultimo sopralluogo e per verificare l’adempimento di tutte le prescrizioni impartite e in settimana arriveranno nell’impianto anche le sedute destinate ai calciatori del Pescara in panchina, in sostituzione di quelle esistenti, completamente divelte da terra e danneggiate.

Intanto ieri mattina il sindaco ha avuto un colloquio con le Forze dell’Ordine con le quali ha caldeggiato l’apertura ai tifosi di casa della Curva sud, solitamente destinata esclusivamente ai tifosi della squadra ospite che spesso ha però un seguito di appena 20-30 persone. «A questi ultimi», ha spiegato Ricotta, «potremmo riservare senza problemi la cosiddetta ‘gabbia’ munita di due cuscinetti laterali che impediscono qualunque contatto tra le tifoserie. In tal modo potremmo consentire a un maggior numero di tifosi e di famiglie di assistere alla partita, dando una risposta concreta alla domanda che quest’anno è notevolmente incrementata».

E' stata completata anche la pulizia del fossato per assicurare il drenaggio del campo, fossato nel quale sono stati trovati pezzi di legno e metallo, forse residuo di vecchie condotte ormai dismesse e abbandonate nel canale.

01/10/2011 9.48