Giovane sgozza la mamma a Manoppello Scalo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4616

MANOPPELLO. Un giovane con problemi psichici, Valentino Di Nunzio, 27enne di Pescara, ha ucciso ieri pomeriggio la madre Maria Teresa Di Giamberadino, 55 anni.

Prima un frastuono provenire dal piano di sopra, poi anche delle urla di una donna che con voce strozzata implorava aiuto. E' scattato poco dopo le 16 l'allarme in una palazzina di via Campania, civico 4, a Manoppello Scalo. Il giovane ha prima aggredito la madre a calci e pugni e poi l'ha accoltellata. Proprio le urla della donna hanno fatto accorrere sul posto alcuni vicini che hanno chiamato i Carabinieri. Al loro arrivo il ragazzo si trovava ancora lì e ha ammesso l'omicidio. «Si l'ho ammazzata io», ha confessato agli inquirenti senza troppi giri di parole. «Mi aveva fatto arrabbiare».

Il giovane è stato subito arrestato e prima che venisse portato in caserma è arrivato anche il padre, convinto di essere scampato al massacro solo perchè si trovava al bar nel momento della tragedia. All'interno dell'appartamento, infatti, oltre alla signora Di Giamberardino, non c'erano altre persone. Alla base dell'aggressione mortale, secondo i primi accertamenti, alcuni dissidi fra madre e figlio.

Il ragazzo, con problemi psichici, secondo chi lo conosce bene, non aveva mai dato segnali di violenza e non era mai stato ricoverato. Parenti e amici assicurano che la tragedia è arrivata del tutto inaspettata. Non si sa cosa sia scattato nella mente del giovane né quali siano stati i motivi alla base del litigio.

Padre, madre e figlio avevano pranzato insieme ieri poco dopo le 13. Poi il giovane è andato dai cugini mentre il padre è andato al bar. La mamma, sola in casa, sbrigate le faccende domestiche, è andata a dormire. Al suo risveglio si sarebbe trovata faccia a faccia con il figlio, tornato nell'appartamento. In mano un grosso coltello da cucina. Quello con il quale l'ha sgozzata.

26/09/2011 7.38