Di Stefano contro la maggioranza Cordoma: «ossessionati dal Prg»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3409

 Di Stefano contro la maggioranza Cordoma: «ossessionati dal Prg»
MONTESILVANO. «Montesilvano non ha bisogno di un nuovo piano regolatore». 

Ne è sicuro il consigliere Gabriele Di Stefano  Consigliere comunale (Misto) che ribatte alle affermazioni del presidente del consiglio comunale di Montesilvano Vittorio Catone secondo cui il nuovo Prg sarà approvato «in tempi brevi»

Per Di Stefano queste dichiarazioni di Catone sarebbero la conferma della «ossessione» della giunta Cordoma di rimettere mano al piano. «Bisogna utilizzare al meglio quello esistente», tuona il consigliere che nei mesi scorsi ha salvato la maggioranza  ma che oggi sembra aver ritrovato lo spirito critico. «Prima di un nuovo Prg è necessario sapere quanti abitanti effettivi ha la città, quanti appartamenti vuoti ci sono,quanti terreni sono ancora edificabili. Con un quadro esatto della situazione, si potrà verificare se i servizi,  sicurezza, servizi cimiteriali, ambiente, personale per i servizi tutti sono sufficienti per avere una città a misura d’uomo, senza essere soffocati dal cemento».

«In più di 4 anni», continua l'esponente di minoranza, «l’amministrazione non è riuscita a fare nemmeno l’ordinaria manutenzione delle strade, basta andare in giro per Montesilvano per vedere in quali condizioni sono, la Vestina è talmente congestionata con lunghe code per arrivare all’ingresso dell’asse attrezzato, ma quando si provvederà a fare una vera rotatoria e trovare una soluzione definitiva per bypassare montesilvano verso Città Sant’Angelo e lasciare la lungofiume come strada di supporto al futuro parco fluviale».

« I progetti dell’attuale Amministrazione sono solo chiacchiere, propedeutici all’avvio della nuova campagna elettorale?», si chiede ancora il consigliere, «sono certo che i cittadini abbiano aperto gli occhi. E’ ora di sistemare adeguatamente la città in tutti i suoi aspetti, potenziando i servizi, creando un parco fluviale, recuperare gli spazi comunali da attrezzare a parcheggi e giardini, mettere alberi  e creare zone verdi senza eccessivi costi».

07/09/2011 12.08