Rete del gas, investimento di 462 mila euro per Porta Nuova

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

861

PESCARA. Un investimento complessivo pari a 462mila euro per la manutenzione, il risanamento e il rifacimento dell’intera rete della distribuzione del gas sul rione sud di Pescara.

E’ quello che Comune di Pescara e Pescara Gas hanno avviato per la messa a norma di tutte le reti e gli allacci gas di impianti che addirittura risalgono al 1955, dunque a 56 anni fa, e non hanno mai subito un adeguato intervento di manutenzione.

E per gravare il meno possibile sulle tasche dei cittadini, Pescara GAS interverrà non solo sulla rete pubblica, ma anche nelle aree private.

Lo ha annunciato il sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia nel corso di una conferenza stampa per illustrare l’intervento, alla presenza del presidente della società Pescara Gas, Tullio Tonelli, del direttore generale Stefano Ilari e dei responsabili Antonio Matrone e Galileo Ciferni.

Il progetto punta al risanamento di tutte le reti e gli allacci gas di una specifica zona di Porta Nuova, inerente l’area del Villaggio Alcyone, viale Primo Vere, via Celommi, via Luigi Anelli e Fosso Vallelunga, un bacino di utenza pari a 700 famiglie.

All’interno del cantiere verrà inserito un intervento ancor più incisivo: «abbiamo deciso di contribuire alla messa a norma degli allacci alla rete cittadina presenti all’interno delle recinzioni o delle abitazioni private», ha spiegato il sindaco, «portando i contatori sul limite della proprietà, sia essa la base dei fabbricati o le recinzioni esterne. I vantaggi derivanti da tale ulteriore opera per il privato sarebbero molteplici, ossia garantire l’accesso immediato dei letturisti ai contatori per i rilievi periodici, tutelando la sicurezza dei residenti, specie i più anziani, in quanto da quel momento nessuno potrà più fingersi ‘letturista’ del gas per penetrare nelle abitazioni, episodi che troppo spesso leggiamo sui nostri quotidiani».

Ci sarà poi una maggiore sicurezza in caso di calamità naturali, in quanto le squadre di soccorso potrebbero sospendere subito le forniture.

«Garantiremo il rispetto delle norme tecniche di installazione e l’annullamento delle eventuali servitù di passaggio oggi esistenti nelle proprietà private per assicurare l’ispezione dei tecnici addetti alla manutenzione delle reti nelle aree interne».

Contrariamente a quanto avviene di norma, la stessa società Pescara Distribuzione Gas si farà carico degli oneri relativi agli spostamenti degli allacci, comprese le tubazioni interrate o aeree, e dei contatori, includendo anche la fornitura e la posa in opera di cassette o sportelli per nicchie di protezione dei contatori stessi, costi che normalmente dovrebbero essere sostenuti dal privato. L’unica spesa che resterà a carico dei cittadini è quella relativa al ricollegamento dell’impianto interno al contatore esterno, opera che dovrà essere realizzata da un idraulico di fiducia che dovrà anche rilasciare le certificazioni.

«li interventi programmati sono necessari e inderogabili – ha detto il presidente Tonelli – e dopo Villaggio Alcyone proseguiranno su tutta la riviera sud e poi viale Bovio con l’obiettivo di eliminare tutta la rete vecchia del gas entro un anno e mezzo. Ora occorre sensibilizzare i cittadini che spesso non si rendono conto dei pericoli, a fronte di un censimento che Pescara Gas ha effettuato casa per casa individuando tutte le possibili fonti di rischio».

06/07/2011 9.58