Tentano di rubare mille euro di bibite al ristorante ma passano i carabinieri

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2211

Tentano di rubare mille euro di bibite al ristorante ma passano i carabinieri
PESCARA.  Stavano caricando la refurtiva (casse di birra e vino) su un’autovettura parcheggiata di fronte al ristorante chiuso.

La sfortuna ha voluto che proprio in quel momento passasse una pattuglia dei carabinieri molto curiosa che ha notato la scena ed ha svolto approfondimenti.

Intorno alle 2 di questa notte uno dei militari a bordo della vettura ha anche riconosciuto uno dei due uomini alle prese con il carico perché con precedenti e già noti alle forze dell’ordine. Vino, birre, bibite varie e stavano finendo dentro il bagagliaio della Opel Tigra parcheggiata davanti il ristorante Attilio nella zona di porta Nuova.   

I militari hanno proceduto al controllo dei sospetti, notando che uno dei due aveva una vistosa ferita alla mano sinistra e diverse macchie di sangue sui vestiti. Evidenti macchie di liquido ematico erano, inoltre, presenti sul marciapiede.

Seguendo tali tracce, i Carabinieri hanno potuto constatare che la porta sul retro del locale era stata forzata e che, proprio durante le operazioni di effrazione, effettuate dai due complici a mani nude e con mezzi improvvisati, uno dei due si era ferito.

Si tratta di Patrizio Roncelli, 29 di Pescara mentre Federico Leone di 34 anni è risultato essere il complice del furto con scasso.

La refurtiva, del valore complessivo di circa 1000 euro, è stata restituita al proprietario del ristorante che, avvertito dalla Centrale Operativa, si è recato sul posto. Sono in corso ulteriori indagini finalizzate ad accertare se i due complici, nella stessa nottata o in quelle precedenti, si sono resi responsabili di altri fatti analoghi. Gli arrestati, dopo le formalità di rito, sono stati trattenuti presso le camere di sicurezza del Comando Provinciale Carabinieri di Pescara, in attesa del giudizio direttissimo che si terrà nella mattinata odierna. Le accuse per loro sono di furto aggravato.

04/07/2011 13.40