Dragaggio, Chiodi vuole 20 milioni. Il Pd ancora contro le scelte di Mascia

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1551

PESCARA. Lavori da 20 milioni di euro per risolvere il problemi dello scalo pescarese. 

Il presidente della Regione Abruzzo Gianni Chiodi ha ufficialmente inviato una nota al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Altero Matteoli per chiedere di inserire il progetto di deviazione del porto canale di Pescara e del suo prolungamento oltre l’attuale diga foranea all’interno della Nuova Intesa Generale Quadro in via di definizione e sul quale la Conferenza Unificata Stato-Regioni esprimerà il proprio parere il prossimo 26 maggio. Il costo dell’intervento, uno stralcio del Piano regolatore generale portuale, è stato stimato in circa 20 milioni di euro.

«E’ questo l’impegno concreto delle amministrazioni regionale e comunale nei confronti del nostro scalo portuale e delle nostre categorie produttive, atti concreti frutto di mesi di lavoro congiunto, a fronte di sterili chiacchiere e inutili strumentalizzazioni», ha commentato il capogruppo comunale del Pdl Lorenzo Sospiri, consigliere regionale.

La lettera di Chiodi fa seguito alla nota inviata alla Regione Abruzzo dallo stesso sindaco Albore Mascia, come concordato nell’ultimo vertice romano, lettera nella quale si è sottolineata la necessità di far fronte non solo all’emergenza, con un intervento sostanziale di dragaggio del porto canale per supportare la nostra marineria, ma di pensare anche allo sviluppo infrastrutturale dello scalo con interventi capaci di superare gli ostacoli frapposti dai mutamenti morfologici subiti da fiume e costa, interventi che non possono prescindere dal prolungamento del braccio del porto al di fuori della diga foranea.

E il sindaco Albore Mascia ha chiesto l’impegno e il supporto del Presidente Chiodi nella ricerca dei relativi finanziamenti necessari per tale opera.

«IL DRAGAGGIO DI MASCIA E' INUTILE»

Ma ieri il Partito Democratico è tornato a denunciare il fallimento dell'ultimo dragaggio che sta mettendo in ginocchio il porto canale. Il consigliere comunale Enzo Del Vecchio ha ricordato che è ancora senza risposta una interrogazione del marzo scorso con la quale si chiedeva di conosce i tempi dei lavori, se esiste una copia del progetto, quanti metri cubi di limi verranno rimossi con la seconda fase.

E oggi a quelle domande senza risposta se ne aggiungono anche altre: «perché continuare a trattare il materiale dragato con il mulino della ditta Dec la cui funzione è solo quella di separare le componenti
granulometriche a costi sproporzionati? Perché l’impresa Nicolaj continua a sottoporre il materiale dragato a
trattamento avendo la stessa impresa comunicato alla Regione Abruzzo la disponibilità di un sito, quello della ditta Euro Piemme s.r.l. di Moscufo, autorizzato con determina Dirigenziale DF3/58 del 07.07.2003? Perché allora non ricondurre l’appalto alle condizioni originarie quando a seguito di gara, per 500 euro l’offerta per l’escavo ed invio in sito autorizzato aveva un costo unitario di circa 55 euro al metro cubo mentre con la tecnica in uso oggi e per i soli 17.000 metri cubi della seconda fase, il costo unitario e di oltre 115 euro al metro cubo?

«Il dragaggio che si sta facendo e' inutile», ha commentato Moreno Di Pietrantonio, «e crea un enorme spreco di risorse pubbliche. Inoltre le attrezzature che si stanno impiegando per pescare la sabbia sono inadeguate (la pinza utilizzata e' quella per spostare gli scogli) e si stanno creando problemi di sicurezza enormi. Chi governa non si e' assunto le proprie responsabilita', a tutti i livelli (e le amministrazioni sono tutte di centrodestra), ma noi riteniamo che si debba uscire fuori dalle chiacchiere inutili, affrontare la situazione, individuare le responsabilita' e risolvere i problemi.

«Mentre la marineria cammina sull'acqua i politici camminano sulla luna - ha commentato Del Vecchio. E' inutile spendere milioni di euro per qualche migliaio di metricubi da dragare, eppure si continua su questa strada».

14/05/2011 9.54