Insediamento So.ca.pi. a Pianella, nuovo stop alla variante al Prg

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2210

PIANELLA. Ancora uno stop all’insediamento del progetto So.ca.pi. in contrada Nora a Pianella.

Dopo la prima riunione della Vas (Valutazione ambientale strategica) del 24 marzo, e la seconda del 7 aprile, si è deciso di rinviare le conclusioni ad una terza conferenza da tenere probabilmente tra qualche mese, in quanto non solo mancavano diversi studi e relazioni tecniche ed ambientali sul progetto, ma è stato registrato anche il non rispetto della procedura per la conferenza preleminare stessa, fatta rilevare dall’associazione Wwf di Pescara.

Per il momento, dunque, l’insediamento industriale tanto osteggiato da esponenti politici e rappresentanti di associazioni, è stato rinviato, e l’approvazione della variante al Prg ritardata.

Nel giorni scorsi era arrivato lo stop da parte del gruppo “Rinnoviamo”, mentre ora si registrano gli interventi del circolo Idv di Pianella e del consigliere comunale di “Rinasce Pianella”, Gianni Filippone.

Alle due riunioni della Vas, indette dal responsabile del procedimento del Comune di Pianella Loredana Scotolati, hanno partecipato i rappresentanti dei Comuni di Nocciano, Rosciano, Cepagatti, della Asl, del Comitato cittadino per la “Salvaguardia della vallata del Fiume Nora”, del Wwf, di alcune associazioni del territorio di Pianella e il consigliere Gianni Filippone, i quali hanno presentato diverse relazioni sui molteplici aspetti riguardanti l’insediamento proposto dalla società So.ca.pi. e con le loro osservazioni, dopo aver constatato che mancavano gli atti della prima riunione, che dovevano essere messi a disposizione dal responsabile del procedimento, hanno unanimemente deciso il rinvio della riunione a data da destinarsi.

Filippone ha relazionato in merito e depositato una dettagliata documentazione corredata da 60 foto, su cui erano evidenziati i punti critici, sia sotto il profilo ambientale che sulla viabilità.

«Sulla relazione – sottolinea il consigliere - si evidenziava che l’attività proposta è classificata “insalubre di prima classe” che emana una cappa di polveri ed odori nauseabondi lungo la vallata del fiume Nora, che in presenza di venti, porta le polveri e gli odori verso le abitazioni».

Filippone ha inoltre posto l’attenzione sul fatto che la strada comunale che dovrebbe essere interessata dal passaggio dei camion della ditta sicuramente non ha i requisiti minimi di sicurezza per la pubblica incolumità, secondo le norme del codice della strada, e non ha una struttura tale da sopportare il carico di autoveicoli pesanti, circa 50 mezzi previsti al giorno.

«Tenuto conto che il Consiglio comunale di Pianella – puntualizza il capogruppo di “Rinasce Pianella” - dopo le prescrizioni adottate e comunicate alla So.ca.pi., non sembra orientato ad obbligare la ditta proponente ad adeguare a sue spese tutta la viabilità interessata (considerando che la So.ca.pi. ha scelto un sito di suo gradimento lontano dalle aree stabilite dal Prg vigente, dove le urbanizzazioni sono già esistenti), in caso di approvazione della suddetta variante al Prg il Comune di Pianella, praticamente la collettività, si dovrà far carico delle ingenti spese per la sistemazione delle strade in oggetto».

Durante il dibattito è emersa anche la posizione del Comitato cittadino che ha presentato una relazione con allegata una “Petizione popolare” sottoscritta da 510 cittadini di Pianella, i quali si sono opposti nettamente all’insediamento, facendo rilevare, tra l’altro, che la zona D3 non solo sembra una speculazione edilizia, ma crea danni rilevanti alla economia agricola della zona, all’ambiente sotto il profilo dell’inquinamento e pericoli alla pubblica incolumità ed alla sicurezza stradale.

«Visto che tutti gli intervenuti alla Vas hanno espresso chiaramente la volontà di opporsi alla variante del Prg per l’insediamento della ditta Socapi – concludono Filippone e gli esponenti dell’Idv - quali ragioni potranno sostenere i nostri amministratori che si ostinano ancora a volere approvare la suddetta variante?».

20/04/2011 11.06