1° maggio: Idv contro concerto Luca Napolitano: «messaggio negativo»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4220

PESCARA. I giovani dell'Italia del Valori contro la scelta dell'amministrazione Mascia di far esibire il giovane concorrente del talent di Maria De Filippi per il concerto del 1°maggio.

«Un messaggio culturale negativo»: così Fabio Ippoliti, coordinatore giovani provinciale dei giovani IdV di Pescara, definisce la scelta dell'amministrazione comunale pescarese di scegliere Luca Napolitano per il concerto del giorno della festa dei lavoratori.

Il cantante, 25 anni originario di Avellino, ha debuttato nel 2008 partecipando all'ottava edizione di Amici di Maria De Filippi, arrivando terzo.

E proprio il suo curriculum fa storcere il naso ai giovani dell'Italia dei Valori che non condividono la scelta caduta su un artista «noto solo per la sua partecipazione al talent show».

I circa 21 mila euro impegnati dalla giunta per il cachet dell'artista, sostiene Ippoliti, si sarebbero potuti spendere per i musicisti abruzzesi «che della musica hanno fatto una professione». «Loro sì precari, costretti a suonare in giro, e nei pochi locali che investono in musica dal vivo, avrebbero onorato e di gran lunga il primo maggio pescarese».

Dall'Italia dei Valori assicurano di non avere «nulla contro questo giovane cantante», la cui storia, tuttavia, «non ne fa un “ospite di grido” come si legge nella relazione della giunta. Il suo percorso, seppur legittimo», continua Ippoliti, «è la rappresentazione tutta mediatica della scorciatoia professionale che la televisione permette con i suoi talent show e reality».

Per questo scegliere Napolitano rappresenterebbe «un messaggio culturale negativo, che noi giovani dell'IdV rifiutiamo, consapevoli degli enormi sacrifici che nella realtà di ogni giorno i giovani talentuosi sono costretti a fare per lavorare e convinti che la strada migliore per affermarsi sia quella più lunga, fatta di studio e di esperienze».

Per questo si chiede al sindaco di sapere quali siano stati i criteri adottati per la scelta di questo ospite e se è stato individuato dall'amministrazione. «Auspiachiamo, qualora fosse possibile, un ripensamento in merito».

20/04/2011 11.01