ACQUA

Emergenza idrica, al lavoro la “diplomazia” e gli operai

Gli enti pubblici si danno da fare per evitare disservizi. Partono lavori (ora)

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3375

Emergenza idrica, al lavoro la “diplomazia” e gli operai
ABRUZZO. Non sembra scemare l’emergenza idrica in buona parte dell’Abruzzo.

Un sospiro di sollievo potrebbe arrivare dalle fugaci piogge previste nei prossimi giorni. La siccità sembra avere la meglio anche sulla programmazione e la lungimiranza di amministratori pubblici e ai vertici delle società che gestiscono il servizio acquedottistico.
Si moltiplicano le riunioni per scongiurare nuove chiusure e disagi e per «garantire il diritto imprescindibile» all’utilizzo dell’acqua. Intanto l’Aca proroga le chiusure notturne fino al 22 luglio prossimo e per indorare la pillola promette la soluzione definitiva all’emergenza idrica in Abruzzo.
In un incontro di ieri a Pescara tra la Regione Abruzzo e quella del Molise si sarebbero stretti accordi per meglio gestire la risorsa idrica proveniente da quella regione.
All’incontro erano presenti anche l’assessore regionale alle Attività produttive del Molise, Antonio Chieffo, il presidente del Consorzio bonifica Molise, Giorgio Manes, il presidente del Consorzio bonifica sud Vasto Marchetti Fabrizio, il presidente della Sasi, Domenico Scutti e l’amministratore delegato del Coniv, Francesco Mancini.
L’assessore Mauro Febbo è sembrato ottimista: «grazie alla fattiva collaborazione con la Regione Abruzzo e dei due consorzi di Bonifica titolari della Diga siamo riusciti programmare una migliore organizzazione della distribuzione dell’acqua in tutta l’area interessata».
La domanda potrebbe essere: perché solo ora? 


Domanda che si potrebbe rivolgere ugualmente ai vertici dell’Aca che oggi comunicano l’inizio di lavori importanti. Si tratta di lavori già programmati da tempo e dunque comunicati per caso solo oggi, oppure si tratta di lavori messi in cantiere in seguito a questa emergenza?
Difficile dirlo. Qualche numero l’Aca lo dà infatti si tratta di lavori per la realizzazione del nuovo tratto di condotta lunga circa 500 metri che permetterà al Campo Pozzi in località San Rocco a Bussi di fornire circa 60/70 litri di acqua potabile al secondo in più all’Acquedotto Giardino. L’intervento dovrebbe concludersi «nel giro di venti giorni e garantirà una risorsa idrica molto importante e necessaria per la Val Pescara in modo da attenuare l’emergenza idrica che sta investendo l’intera regione».
Detta così sembra una cosa improvvisata e studiata per questa emergenza e sembra una «pronta risposta» ai disagi. Ma lavori del genere vanno appalta e la procedura di solito è molto lunga…
Si tratta della fase preliminare di un progetto complessivo che prevede la realizzazione di 2 chilometri di condotta idrica che collegheranno i pozzi di Bussi con l’Acquedotto Giardino, oltre alla costruzione di altri 3 pozzi ex novo, che si aggiungeranno agli 8 attualmente esistenti.
Un’operazione che costerà complessivamente 2 milioni di euro e che dovrebbe concludersi nel giro di un anno, in base al rilascio del nulla osta da parte degli Enti interessati dal progetto.
«In tale modo», assicura il presidente dell’Aca, Ezio De Cristoforo, «sarà possibile erogare circa 1000 litri al secondo al territorio della Val Pescara, risolvendo in modo definitivo il problema dell’emergenza idrica che sta colpendo l’intero Abruzzo».

LA GALLINA DOMANI… INTANTO LE CHIUSURE FINO AL 22
Le chiusure verranno effettuate dalle ore 22 del giorno programmato alle ore 6 del giorno successivo e saranno così disposte:
• Comune di Tocco da Casauria (Intero territorio ad esclusione zona Tiburtina):
Lunedì 9, mercoledì 11, venerdì 13, domenica 15, martedì 17, giovedì 19, sabato 21
• Comune di Torre de’ Passeri (Serbatoio Capoluogo):
Lunedì 9, mercoledì 11, venerdì 13, domenica 15, martedì 17, giovedì 19, sabato 21
• Comune di San Giovanni Teatino (Serbatoio Dragonara e Serbatoio Sambuceto):
Lunedì 9, mercoledì 11, venerdì 13, domenica 15, martedì 17, giovedì 19, sabato 21
• Comune di Torrevecchia Teatina (Intero Territorio):
Lunedì 9, mercoledì 11, venerdì 13, domenica 15, martedì 17, giovedì 19, sabato 21
• Comune di Cepagatti (Intero Territorio):
Martedì 10, giovedì 12, sabato 14, lunedì 16, mercoledì 18, venerdì 20, domenica 22
• Comune di Rosciano (Intero Territorio):
Martedì 10, giovedì 12, sabato 14, lunedì 16, mercoledì 18, venerdì 20, domenica 22
• Comune di Chieti (Località Brecciarola):
Martedì 10, giovedì 12, sabato 14, lunedì 16, mercoledì 18, venerdì 20, domenica 22
• Comune di Alanno (Alanno Scalo, Serbatoio Coccialonga):
Martedì 10, giovedì 12, sabato 14, lunedì 16, mercoledì 18, venerdì 20, domenica 22
• Comune di Scafa (Centro urbano):
Martedì 10, giovedì 12, sabato 14, lunedì 16, mercoledì 18, venerdì 20, domenica 22
• Comune di Manoppello (Manoppello Scalo):
Martedì 10, giovedì 12, sabato 14, lunedì 16, mercoledì 18, venerdì 20, domenica 22
• Comune di Casalincontrada (via Brecciarola, zona bassa):
Martedì 10, giovedì 12, sabato 14, lunedì 16, mercoledì 18, venerdì 20, domenica 22
Sempre nel periodo che va dal 9 al 22 luglio 2012, verranno effettuate le chiusure notturne dei serbatoi tutti i giorni dalle ore 22 alle ore 6:
• Comune di Alanno:
Serbatoio Colle Cinciaro, Serbatoio Colle Grande, Serbatoio Sant’Agata
• Comune di Cugnoli:
Serbatoio Colle Torre, Serbatoio Capoluogo, Serbatoio Tinozzi
• Comune di Civitaquana:
Serbatoio Capoluogo
• Comune di Catignano:
Serbatoio Cappuccini, Serbatoio Capoluogo
• Comune di Nocciano:
Serbatoio Capoluogo, Serbatoio Mattatoio, Serbatoio Case Sparse
• Comune di Pietranico:
Serbatoio Ripalta, Serbatoio Capoluogo, Serbatoio Case Sparse
• Comune di Pescosansonesco:
Serbatoio Capoluogo