PIANELLA

Dragaggio: «no ai fanghi del porto a Pianella»

L’appello del consigliere Filippone

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1834

Dragaggio: «no ai fanghi del porto a Pianella»
Il consigliere comunale Gianni Filippone (capogruppo di Rinasce Pianella) respinge l’ipotesi dell’arrivo dei fanghi di dragaggio del porto canale di Pescara.

PIANELLA. Il consigliere comunale Gianni Filippone (capogruppo di Rinasce Pianella) respinge l’ipotesi dell’arrivo dei fanghi di dragaggio del porto canale di Pescara.
Il materiale, secondo quanto annunciato nei giorni scorsi, potrebbe essere smaltito in contrada Morrocino di Pianella, in prossimità del fiume Nora.
«Sembra un destino», commenta Filippo, «che l’amministrazione comunale sia interessata da insediamenti inquinanti, dopo la battuta di arresto del progetto So.ca.pi e lo stop della provincia per la riapertura della discarica emergenziale».
Per il consigliere di minoranza l’amministrazione comunale «ultimamente sembra non crearsi scrupoli e problemi per svendere il territorio di Pianella, in particolare la vallata del fiume Nora».
L’ipotesi Pianella sarà comunque praticabile solo nel caso in cui i fanghi di dragaggio del porto canale di Pescara non possano essere versati in mare. «Anche in questo caso», protesta sempre Filippone, «ancora una volta il sindaco di Pianella tenta di svendere il territorio per fare cassa e tentare di risanare il bilancio comunale, dissestato dalla sua fallimentare politica. Si fa rilevare che la cosiddetta “discarica emergenziale di Pianella”, è da anni disattivata, ed attualmente non solo non ha i requisiti di legge, ma mancano anche le autorizzazioni degli enti preposti e della regione a Abruzzo».
Filippone chiede al sindaco D’Ambrosio di intervenire «urgentemente» presso gli enti responsabili, per bloccare questa eventuale decisione provinciale, «in quanto i fanghi rappresentano un forte rischio per la salute pubblica e l’inquinamento del sottosuolo, tanto più che ad oggi, non si conoscono ancora con certezza la composizione chimica dei fanghi».
Filippone nel prossimo Consiglio comunale inviterà i consiglieri comunali ad adottare una decisione di opporsi allo smaltimento dei fanghi di dragaggio sul territorio comunale e invita il comitato civico cittadino, costituito all’epoca contro l’insediamento della So.ca.pi. e la riapertura della discarica emergenziale di pianella, a riattivarsi per difendere il territorio.