Pianella, ancora scontro tra opposizione e sindaco D'Ambrosio

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3755

PIANELLA. Opposizione all'attacco: «il sindaco di Pianella dove vive?».D'AMBROSIO: «TENTATIVO DI MISTIFICARE LA REALTA'» 

E' questa la domanda che polemicamente pongono in una nota i consiglieri comunali del gruppo Pdl-Udc al Comune di Pianella, Sandro Marinelli, Romeo Aramini ed Antonio Berardinucci nel commentare le ultime esternazioni del Sindaco di Pianella in materia di scuole e bilancio.

L'opposizione si dice dispiaciuta perchè il primo cittadino non ha visitato il plesso scolastico del paese in occasione del primo giorno di scuola: «in tal modo», dicono i consiglieri, «avrebbe constato lo stato di degrado che ha accolto i piccoli alunni ed i loro genitori e magari avrebbe potuto rendersi conto di persona della delusione e dello smarrimento nei loro sguardi, ma confidiamo che il prossimo anno si faccia vivo di persona oltre che sui giornali, anche perché a Pianella, dopo venti anni di promesse disattese, anche i bambini hanno smesso di credere alle favole».

I consiglieri di opposizione prendono posizione anche sulle ottimistiche comunicazioni di D’Ambrosio in materia di bilancio e sostengono che «il sindaco continua con le fuorvianti comunicazioni contabili, estrapolando solo i dati di segno positivo e tacendo, ahinoi, sulla realtà della situazione finanziaria dell’Ente».

«Questa’anno, infatti», ha aggiunto Marinelli, «lo stesso revisore di fiducia del Comune non ha potuto evitare di mettere nero su bianco tutte le criticità più volte evidenziate dal nostro gruppo in sede di dibattito consiliare: dalla scarsa efficacia ed economicità della gestione delle società partecipate (Arcobaleno), all’eccessivo dispendio di risorse per la contrattazione integrativa, come rilevato anche dalla Corte dei Conti, alla urgente necessità di riduzione dell’indebitamento, al mancato aggiornamento degli inventari, ed altro».

«Il consuntivo approvato in giunta, inoltre – sottolineano Aramini e Berardinucci - certifica il fallimento della programmazione della maggioranza d’ambrosiana, poiché, rispetto agli oltre 17 milioni di euro di risorse previste, la giunta è riuscita ad acquisirne solo 7,5, con ciò discostandosi dalle ipotesi previsionali nella misura del 57%, per cui le somme a disposizione sono risultate a malapena sufficienti per l’ordinaria amministrazione, con buona pace dei numerosi investimenti più volte promessi e, come tutti vedono, mai realizzati».

15/09/2010 9.29

D'AMBROSIO: «TENTATIVO DI MISTIFICARE LA REALTA'» 

«La scuola è il ‘cuore’ della nostra città – ha replicato D’Ambrosio –, e lo dimostra il fatto che l’amministrazione comunale ha provveduto come priorità assoluta alla messa in sicurezza delle scuole materna, elementare e media del capoluogo. I lavori effettuati hanno riguardato la messa a norma dell’impianto antincendio degli edifici, a cui sono seguiti interventi complementari quali la sistemazione dell’impianto elettrico, la tinteggiatura interna e la sostituzione delle porte. La manutenzione dell’area esterna, compresi i marciapiedi, è stata già inserita tra le criticità da risolvere, a cui si aggiungono gli interventi previsti di tinteggiatura degli esterni e sostituzione delle finestre. Interventi che saranno realizzati anche grazie al finanziamento regionale di 180mila euro ottenuto per il consolidamento della scuola elementare. Si tratta di opere indispensabili proprio per garantire ai nostri alunni e ai loro genitori la tranquillità di poter studiare in ambienti sicuri e a norma».

In merito all’approvazione del conto consuntivo 2009, «abbiamo il dubbio che l’opposizione non sappia leggere correttamente i dati – ha ribadito il sindaco D’Ambrosio -: è stato registrato un attivo di circa 130mila euro. Un risultato positivo, nonostante le casse comunali debbano rispettare il Patto di Stabilità determinando talvolta alcuni ritardi nei pagamenti. In ogni caso la cifra di 7,5 milioni di euro di risorse acquisite rappresenta un dato significativo, soprattutto se si considera il periodo di crisi economica che stiamo attraversando a livello locale e nazionale».

16/09/10 16.23