Pescara, riparte la battaglia contro il punteruolo rosso

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1569

PESCARA. Riprenderanno a inizio maggio le operazioni di cura e prevenzione contro il punteruolo rosso su tutto il territorio di Pescara.

Complessivamente verranno effettuati quattro successivi trattamenti biologici fito-sanitari su ogni palma con un investimento pari a 100mila euro.

Nel frattempo, con l’approvazione del bilancio comunale, verranno disposti altri 150mila euro immediatamente esecutivi per avviare un secondo progetto, con l’obiettivo di contenere l’ulteriore diffusione delle larve che, con l’arrivo della primavera, si sviluppano per cominciare la trasmissione da una pianta all’altra.

Complessivamente sono 550 le palme di tutto il territorio cittadino che verranno interessate dalle operazioni, mentre sono 300 le palme irrimediabilmente malate che sono ormai state rimosse dall’inizio dell’emergenza a oggi, ha spiegato il presidente della Commissione consiliare Lavori pubblici Armando Foschi al termine del vertice della Commissione Ambiente, presieduta da Nico Lerri, che ha fatto il punto circa il programma di ripresa degli interventi contro il punteruolo rosso.

«Ormai da un anno e mezzo la nostra amministrazione comunale sta portando avanti una battaglia costante per contenere la diffusione del famigerato insetto, cercando anche di compensare i ritardi derivanti dagli anni precedenti della passata amministrazione comunale – ha sottolineato il presidente Foschi -. Già lo scorso anno abbiamo garantito, tra la primavera e l’autunno, un’intensa campagna di trattamenti, rispettando alla lettera il Protocollo ministeriale che ci ha autorizzato all’uso esclusivo, sul territorio abruzzese, di prodotti biologici, preannunciando l’approvazione di un Decreto che ci avrebbe dovuto consentire anche l’uso di prodotti chimici, Decreto che però non è mai stato approvato».

Le operazioni sono state sospese nel corso dell’inverno, quando il gelo, quest’anno tra l’altro particolarmente intenso, blocca automaticamente la fase riproduttiva, di crescita e trasmissione del punteruolo e la neve e le temperature particolarmente rigide sino alla scorsa settimana hanno contribuito in misura notevole allo sterminio di molte larve.

«Con l’arrivo della primavera ci attendiamo però l’inizio di una nuova fase riproduttiva dell’insetto e quindi siamo pronti a riavviare gli interventi di risanamento», ha continuato Foschi.

L'obiettivo del Comune è quello di rallentare quanto più possibile e arginare, contenere la diffusione del punteruolo che dall’inizio dell’emergenza, ossia dal 2005-2006 a oggi ha determinato la morte di almeno 300 palme.

«Intanto», ha spiegato Foschi, «per la prossima settimana convocheremo in Commissione Lavori pubblici l’Arssa per valutare la problematica inerente la presenza sul territorio di molte palme malate ma di proprietà comunale, sulle quali l’amministrazione comunale ha solo un potere di ‘segnalazione’ all’Arssa stessa che già lo scorso anno sappiamo ha emanato diverse ordinanze per obbligare i proprietari a curare o rimuovere gli alberi colpiti dall’insetto, proprio per limitarne la diffusione. A questo punto chiederemo all’Arssa quali sono gli strumenti di cui dispone per garantire il rispetto di quelle ordinanze, visto che molte palme malate in realtà sono ancora al loro posto, svolgendo una sorta di funzione ‘incubatrice’ delle larve che, una volta cresciute, passano di pianta in pianta uccidendo i nostri alberi».

18/03/2011 11.36