Pedaggio asse attrezzato, Idv contro lo spot di Testa: «aspettare la decisione definitva»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1871

PESCARA. Mentre il presidente della Provincia festeggia per il risultato del Tar, l'Italia dei Valori chiede di aspettare.

Nei giorni scorsi il Tar  del Lazio ha disposto l'annullamento del decreto ministeriale  con il quale il 25 giugno 2010 sono state individuate le stazioni nelle quali applicare gli aumenti dei pedaggi.

Entusiasta il presidente della Provincia di Pescara, Guerino Testa, che aveva presentato il ricorso. Proprio a seguito di quella decisione l'amministrazione provinciale ha realizzato una campagna pubblicitaria (presente anche su PrimaDaNoi.it) che recita «Una battaglia vinta, una Provincia che sa essere utile».

Ma l'idea non è piaciuta al consigliere provinciale dell'Idv, Antonella Allegrino che chiede a Testa: «aspetti di aver davvero evitato il pedaggio prima di fare spot elettorali sull’asse attrezzato a spese dei contribuenti».

«Quella contro il pedaggio», insiste la consigliera, «è ancora una guerra aperta e tutt’altro che vinta e lo dimostra l’incontro del 9 marzo a cui l’ente è chiamato a perorare la causa di associazioni e cittadini».

«Se proprio vuole acquistare spazi pubblicitari a spese della Provincia», continua l'esponente di minoranza, «Testa li impieghi invece per dire come risolverà il problema gravissimo di Provincia e Ambiente, sottoposto alla sua attenzione ormai da oltre un anno, o per dire quali e quanti “ottimi ed efficienti” servizi la Provincia ha messo a  disposizione dell’occupazione, delle esigenze delle imprese, del turismo, della disabilità, della manutenzione e messa in sicurezza delle scuole e di tutto ciò che fa di una Provincia un ente “utile”».

02/03/2011 12.28