Il procuratore Trifuoggi dai partigiani: «serve rivoluzione morale»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1990

PESCARA. «Sono venuto perché avevo un bisogno insopprimibile di respirare aria pulita. Serve una rivoluzione morale, bisogna continuare a resistere, resistere, resistere».

 

Sono le parole pronunciate dal procuratore capo della Repubblica di Pescara, Nicola Trifuoggi, in occasione del primo congresso della sezione provinciale A.N.P.I. (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia) di Pescara, che si è svolto sabato pomeriggio nell’Auditorium Castellammare del capoluogo adriatico. Soddisfazione è stata espressa dagli esponenti del comitato provinciale per il boom di tesseramenti, circa 40, e per la presenza di un centinaio di persone.

«L’Anpi – ha sottolineato il procuratore capo – non è solo memoria, ma anche sentinella attenta che i principi della Costituzione non vengano stravolti e modificati. Si sente spesso parlare di Costituzione a sproposito, mentre io adoro questo sistema mirabile di valori che dalla resistenza sono finiti proprio nella Costituzione».

«L’Anpi ha autorevolezza politica e morale – ha detto l’assessore alla Cultura del Comune di Pescara, Elena Seller -. Abbiamo l’obbligo di non dimenticare i valori della Resistenza e della Costituzione».

Nell’ambito del congresso sono state elette le cariche statutarie del comitato provinciale: si tratta di Enzo Fimiani, presidente, Luca Prosperi, vicepresidente, e Luciano Martocchia, tesoriere. Nel comitato sono stati eletti inoltre Vincenzo Perfetti, Lorenzo Pace, Luca Rossi, Piero Di Girolamo, Nicola Palombaro, Angelo Di Rosa, Antonio Varrasso, Sara Follacchio e Giulia Candeloro. All’incontro hanno preso parte, oltre a Trifuoggi e Seller, il presidente ed il vicepresidente della Fondazione Brigata Maiella, Nicola Mattoscio e Antonio Rullo. Presenti, inoltre, diversi esponenti del mondo politico, tra cui Carlo Costantini (Idv), Maurizio Acerbo (Prc), Andrea Colalongo (Udc), Paolo Marini (Pdci), Moreno Di Pietrantonio, Gianluca Fusilli, Enzo Del Vecchio e Pino De Dominicis (Pd).

21/02/2011 9.37