Il Falco torna a casa: «avances da giocatore dell'Inter». Ora vuole l'Isola dei Famosi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3133

PESCARA. Condannato ad un anno Mario Ferri è tornato in libertà. Ha un nuovo agente: Lele Mora e punta a naufragare sull'Isola targata Rai2.

PESCARA. Condannato ad un anno Mario Ferri è tornato in libertà. Ha un nuovo agente: Lele Mora e punta a naufragare sull'Isola targata Rai2.

Mario Ferri, il giovane noto per avere fatto invasioni di campo in Italia e all'estero in occasione di partite di calcio di rilievo, detto il Falco, è stato condannato ieri dal Tribunale di Pescara a 12 mesi con la condizionale e gli obblighi di dimora per essere evaso dai precedenti arresti domiciliari.

Ferri era stato arrestato all'aeroporto di Fiumicino lo scorso 29 dicembre al ritorno da Abu Dhabi (Emirati Arabi), dove il 18 dicembre scorso aveva dato luogo a una delle sue esibizioni nell'incontro Mazembe – Inter.

La Polizia lo aveva fermato mentre scendeva dall'aereo e portato nel carcere di Civitavecchia. Ieri il processo, la condanna e la remissione in libertà.

Ma oggi, primo giorno da uomo libero, Ferri continua a far parlare di sé. E racconta al quotidiano il Centro di aver ricevuto avances sessuali da un calciatore dell'Inter.

«Mi ha proposto di salire in camera sua in cambio di 4 mila euro. Gli ho detto di no». Il fatto sarebbe avvenuto all'hotel Shangrila di Abu Dhabi prima della finale del mondiale per club Mazembe-Inter.

«Ho rifiutato», ha continuato il giovane, «non sono una prostituta» e ha raccontato di aver conosciuto lo sportivo in una discoteca a Milano quando ho partecipato alla trasmissione di Chiambretti. Tra noi è nata una amicizia normale: ci siamo scambiati sms, telefonate e niente più. Una volta ad Abu Dhabi mi ha chiesto di appartarci per parlare e mi ha proposto di salire in camera sua, ma gli ho detto di no».

«Non posso dire chi è, comunque non è un italiano», ha puntualizzato Ferri, ben sapendo che la ricerca sarebbe comunque difficile visto che al mondiale per club nell'Inter gli italiani erano solo 4 su una rosa di quasi 30 giocatori. Ferri, che ora ammette di essere assistito da Lele Mora e che punta a partecipare all'Isola dei Famosi, ha anche raccontato di come è riuscito, pur ai domiciliari, a salire sull'aereo a Fiumicino per andare ad Abu Dhabi

«Per evitare controlli alla dogana sono passato da una porta d'emergenza che mi ha condotto fino al gate: ci sono riuscito grazie alla complicità di un addetto dell'aeroporto: l'ho pagato».

29/01/2011 11.08

* LA STORIA DEL FALCO MARIO FERRI