Montesilvano, approvato il bilancio di previsione dell’azienda speciale

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3455

MONTESILVANO. La commissione Bilancio, presieduta dal consigliere comunale Oscaro Biferi, ha approvato il Bilancio di previsione 2011 e il Bilancio di previsione pluriennale 2011/13.

Il bilancio di previsione ha come punti essenziali le macro-categorie economiche, come il piano di zona dei servizi sociali, al fine di garantire sul territorio comunale tutta una serie di servizi come il diritto allo studio degli studenti disabili, la gestione dell’asilo nido, la gestione della farmacia comunale, la gestione della comunità di accoglienza per minori allontanati dalla famiglia, la gestione del centro didattico-ricreativo, la gestione dei centri sociali per anziani, la gestione dei servizi di assistenza alle persone non autosufficienti, il trasporto dell’utenza diversamente abile, la gestione del parco comunale Papa Giovanni Paolo II, nonché una serie di altri servizi minori socio-assistenziali.

«Con questa previsione – spiega l’assessore al Bilancio Emidio Di Felice –garantiremo l’erogazione dei servizi previsti dal Piano di zona vigente, assicurandone comunque nel contempo continuità nella storicità dei servizi e razionalizzando le modalità di gestione che, in ultima analisi, portano l’Azienda ad una maggiore certezza e coerenza tra gli strumenti previsionali e quelli consuntivi. Per garantire i servizi citati per il 2011 il Comune di Montesilvano trasferirà all’Azienda la somma di euro 2.265.248,00 ossia la stessa e identica cifra del 2010. Da sottolineare – prosegue l’assessore Di Felice – che in seguito ad un lavoro accurato e paziente in stratta sinergia tra la direzione dell’azienda – cda dell’Azienda speciale ed Ente comunale, si è riusciti ad azzerare la perdita degli anni precedenti. Infatti, il 2008 ha registrato una perdita di euro 202.863,00, nel 2009 abbiamo evidenziato un utile pari ad euro 37.426,00, stesso risultato sicuramente è previsto per il consuntivo 2010. Tutto questo non è altro, come suddetto, che il risultato positivo derivante da un impegno politico amministrativo forte e di una serie di interventi mirati a mantenere servizi efficienti ai cittadini e nel contempo cercare di economizzare sulle spese correnti o comunque opinabili».  

28/01/2011 15.03