Aggressione con pistola giocattolo per riavere 200euro: un arresto

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2323

PESCARA. Pretendeva dei soldi da un ragazzo, ma al suo rifiuto ha tirato fuori una pistola e lo ha colpito con il calcio dell'arma.

Il fendente è arrivato dritto sul setto nasale che si è frantumato.

Per questo un 18enne di Montesilvano, Piero De Petris, è stato arrestato dai carabinieri con l'accusa di rapina aggravata. In particolare De Petris ieri sera ha incontrato altri due ragazzi, di 24 e 27 anni, davanti ad un locale pubblico di Montesilvano. Il giovane pretendeva dal 24enne 200 euro per un credito, a sua detta, mai saldato. Al rifiuto di quest'ultimo, però, ha tirato fuori la pistola e lo ha colpito al volto con il calcio dell'arma, rompendogli il setto nasale. Anche il 27enne, che ha tentato di separarli, è stato picchiato.

Subito dopo De Petris è salito sull'automobile della vittima e si è dato alla fuga. I due ragazzi a quel punto hanno allertato il 118 e i Carabinieri, i quali hanno ritrovato l'automobile, nel frattempo abbandonata dal giovane, e si sono messi alla ricerca del 18enne. De Petris è stato fermato su un autobus diretto a Pescara. I militari a quel punto hanno potuto accertare che l'arma in realtà era un giocattolo senza il tappo rosso previsto dalla legge. I due ragazzi feriti sono stati medicati all'ospedale di Pescara con una prognosi di 15 giorni.

24/01/2011 18.54