Lite con accoltellamento in via Ariosto tra due nordafricani

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1470

MONTESILVANO. Un 26enne senegalese, residente nel quartiere "nordafricano" di via Ariosto è stato accoltellato al petto.

A colpirlo è stato un connazionale e l'episodio è accaduto al culmine di una lite avvenuta nella tarda serata di sabato.

Il ferito, soccorso dal 118 e giudicato guaribile in dieci giorni dai medici dell'ospedale di Pescara, è stato arrestato dai Carabinieri perché clandestino.

Sono invece in corso le ricerche dell'aggressore, che dopo la lite si è dato alla fuga. Secondo una prima ricostruzione dei Carabinieri, la lite, avvenuta con tutta probabilità nel piazzale di uno dei condomini, sarebbe iniziata per futili motivi.

L'aggressore avrebbe tirato fuori il coltello, colpendo il 26enne sul dorso, per poi fuggire.

Sul posto sono intervenuti gli uomini del 118, che hanno trasportato il senegalese all'ospedale di Pescara. Il giovane, subito dimesso per le sue condizioni non gravi, era senza documento ed è stato identificato attraverso le impronte digitali. I Carabinieri di Montesilvano hanno così accertato che nei suoi confronti era stato emesso, ad ottobre, un decreto di espulsione.

Per questo è stato arrestato e si trova ora in una cella di sicurezza della caserma dei Carabinieri. Immediato il commento di Forza Nuova sulla vicenda: «Ora basta con le prese in giro» attacca il segretario cittadino Marco Forconi, che chiede «provvedimenti a lungo termine ed efficaci» da parte del prefetto, del questore e del sindaco.

Forconi, ricordando i fatti di cronaca avvenuti nel quartiere nell'ultimo mese, chiede di farla finita con «l'uso buonista della carota con coloro che conoscono solo la legge del bastone» e sostiene la necessità di un' «opera di ricostruzione sociale e morale».

Nei mesi scorsi il sindaco Pasquale Cordoma aveva annunciato uno studio sull'integrazione dei nordafricani che vivono nel quartiere 'ghetto'. A chiedere aiuto era stata proprio la numerosa comunità africana che aveva spedito una lettera al primo cittadino.

10/01/2011 8.36