Consiglio comunale Pescara: nel 2010 39 sedute, 209 atti deliberativi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

887

PESCARA. 39 sedute ordinarie del Consiglio, 12 sedute straordinarie aperte alla città e l’approvazione di 209 atti deliberativi nell'ultimo anno.

E' questo il bilancio dell'attività 2010 stilato ieri dal presidente del Consiglio Licio Di Biase. C’è stata l’attività istituzionale, con le celebrazioni promosse per la Giornata della Memoria, la Shoah, la Giornata del Ricordo del 10 febbraio, dedicata ai martiri delle Foibe, poi la Liberazione di Pescara, il 31 agosto e il 14 settembre con i bombardamenti del capoluogo adriatico, e il 12 novembre con i Caduti di Nassiryia. E' stato portato avanti l’Organismo del Consiglio comunale dei Bambini e delle Bambine, per la prima volta sono state convocate sedute straordinarie sui fatti e i personaggi che hanno caratterizzato il territorio, come il 5 marzo con la celebrazione del centenario della nascita di Flaiano; il 6 agosto seduta straordinaria per la riapertura del teatro Michetti. E' stato ricordato il 150° anniversario del passaggio di Vittorio Emanuele a Pescara, occasione celebrata anche attraverso la Settimana studentesca con la collaborazione di dieci Istituti superiori. Il 2 dicembre l'incontro con Anita Garibaldi che il 3 dicembre ha incontrato gli studenti.

«Unico rimpianto», spiega il presidente Di Biase, «è quello di non essere ancora riusciti ad approvare il regolamento per l’Albo delle Associazioni che speriamo sia il primo atto del 2011, quando proseguiremo con il lavoro ordinario dei Consigli, ma soprattutto stimoleremo l’amministrazione comunale sulla valorizzazione storica della città con l’apertura del Circolo Aternino, la sistemazione del Teatro Michetti, la riscoperta del mosaico sul lungofiume, la valorizzazione del Museo Cascella e la seconda edizione dell’iniziativa ‘Un Telegramma per Flaiano’, iniziative che dovranno favorire anche il rilancio del centro storico».

E tra gli appuntamenti già messi in calendario ci sono le iniziative su Francesco Paolo Michetti, Paolo De Cecco e altri personaggi della cultura pescarese tra Ottocento e Novecento, un convegno sulla figura di Marcello De Giovanni, dialettologo, etnografo e studioso della cultura locale, la collaborazione con l’Università ‘D’Annunzio’ per un’iniziativa internazionale sulla salvaguardia del dialetto abruzzese, l’attenzione al Museo Paparella, l’intitolazione di strade e piazze a uomini e personaggi della storia locale, il recupero di elementi identitari della città come la Chiesa di Sant’Anna e la Torretta Dannunziana, il censimento dei Beni architettonici e culturali della città, e lo sviluppo dei rapporti con città estere gemellate come Arcachon, o anche con Charleroi e Marcinelle.

28/12/2010 9.47