Catignano, taglio del nastro per il ponte. Sindaco: «lo aspettavamo da 50 anni»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1179

CATIGNANO. Taglio del nastro, sabato mattina del nuovo ponte realizzato dalla Provincia di Pescara, con fondi regionali, in località Ponterosso.

Un’opera molto attesa dai cittadini, che hanno partecipato numerosissimi alla manifestazione sul ponte, promossa dalla Provincia, e ai festeggiamenti che il Comune ha organizzato in un capannone che si trova a poca distanza.

Per il presidente della Provincia, Guerino Testa, «è stato raggiunto un risultato formidabile perché i lavori (eseguiti dall’Ati composta da Edilsteel, Di Persio Costruzioni e Angelo De Cesaris) sono stati conclusi con quattro mesi di anticipo rispetto al previsto, e oggi possiamo consegnare l’opera ai cittadini e agli automobilisti, con grande fierezza per questo straordinario taglio sui tempi».

Testa ha ringraziato tutti coloro che hanno lavorato per la realizzazione del ponte (per un anno e mezzo le ditte hanno impiegato una ventina di operai al giorno).

I ringraziamenti hanno riguardato «tutti: dai rappresentanti dell’amministrazione precedente, che ha voluto e ideato quest’opera, al sindaco di  Catignano, Francesco Lattanzio, che ha collaborato costantemente con la Provincia, fino alla Soprintendenza e all'Università di Pisa, che sono occupate da anni sul sito archeologico attiguo al ponte e che è unico in tutto il territorio provinciale».

Testa ha anche fatto riferimento alle polemiche politiche dei giorni scorsi: «E' noto a tutti – ha detto - che la realizzazione di quest'opera è partita molti anni fa e sarebbe stupido dire il contrario o attribuirci la paternità dell’intervento, una cosa che peraltro non ho mai fatto. Ma è altrettanto stupido sollevare polemiche sul taglio del nastro. Io ritengo che un ponte, un'opera pubblica, non sia né di destra né di sinistra. Questo è il ponte dei cittadini ed è a loro che lo consegniamo oggi».


Entusiasta il sindaco di Catignano, Francesco Lattanzio, il quale ha fatto notare che «il paese aspetta questo ponte da 50 anni, e oggi – grazie alla Provincia - il sogno diventa realtà».

Sul palco, insieme agli assessori provinciali Andrea Faieta e Roberto Ruggieri, anche l’assessore regionale Carlo Masci e il presidente del Consiglio regionale, Nazario Pagano, il quale ha sottolineato «la celerità dei lavori» e «la grande utilità di quest’opera».

Il taglio del nastro è stato salutato dai fuochi di artificio e dall’intervento musicale della banda. Per festeggiare l’evento Lattanzio ha promosso anche una passeggiata sulle auto d’epoca. Subito dopo la manifestazione il ponte è stato aperto al traffico.

13/12/2010 9.55