Filippone(Rinasce Pianella): «Artifici contabili nel bilancio del Comune di Pianella»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3750

PIANELLA. Non si placano le polemiche a Pianella da parte dell’opposizione che già all’indomani del consiglio comunale del 30 novembre aveva spiegato le proprie ragioni e contrarietà.

Il tutto nasce da un assestamento di bilancio a due mesi dalla approvazione del bilancio a fine settembre scorso. Già in quella occasione erano state molte le perplessità e le accuse per aver utilizzato supposti «artifici» che avevano prodotto un avanzo di bilancio.   Gianni Filippone, consigliere comunale e capogruppo di “Rinasce Pianella”, ora contesta quell’assestamento di bilancio che sembra una presa in giro.

«Dopo due mesi dall’esame del Bilancio Previsionale 2010 approvato in Consiglio Comunale il 30 Settembre 2010», ricorda Filippone, «dove il sindaco si vantava di essere un “Comune Virtuoso” per un disavanzo di Bilancio dell’anno 2009 di € 130.000,00, si arriva alla variazione di bilancio. Tale situazione è stata contestata da me in Consiglio Comunale e riportata anche sulla relazione del Revisore dei Conti, dove si sosteneva che il disavanzo di € 130.000,00 era una somma virtuale da non utilizzare. Infatti, il disavanzo è stato ottenuto da un artificio contabile e da un abnorme rigonfiamento dei residui attivi (addirittura alcuni residui “da riscuotere” ripescati dagli anni 80)».

«Vorrei ricordare al sindaco», aggiunge Filippone, «che il risultato della gestione di competenza, come risulta dalla relazione del Revisore dei Conti, che raccomanda all'Amministrazione Comunale, di ridurre l'utilizzo dei proventi derivanti dagli oneri concessori (Licenze edilizie ed Accordi di Programma), deve essere gestita con una maggiore attenzione, nella gestione delle spese correnti. Nell’ultimo Consiglio Comunale i giochi di prestigio adottati solo due mesi fa sono venuti alla luce, in quanto abbiamo constatato che la differenza tra entrate ed uscite, guarda caso, è uguale a zero, come relazionato dal Revisore dei Conti e dal Responsabile del Servizio Finanziario Comunale».

“Rinasce Pianella” dice di non comprendere il motivo per il quale, oggi dopo due mesi, si ha un aumento delle competenze per la gestione dello smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani di € 75.000, poiché si conosceva già a settembre il costo del servizio fornito da Ecologica srl e quindi era da pagare, cosi anche altre voci come la pulizia dei locali pubblici.

Voci che secondo l’opposizione sarebbero state tirate fuori solo per far quadrare i conti.

Cosi come nel caso dei fondi per le opere pubbliche, necessari per le esigenze di urbanizzazioni, derivanti da Programmi Integrati sarebbero stati «dirottati per salvare gli “equilibri generali di Bilancio” come sottoscritto dal Responsabile del Servizio Finanziario Comunale, non seguendo nemmeno la raccomandazione del Revisore dei Conti».

«Da quando emerge dai documenti contabili», spiega ancora Filippone, «ormai, si capisce chiaramente che il sindaco ed alcuni assessori informati, eseguono giochi di prestigio per coprire i buchi di bilancio che sono talmente grandi che si accendono dei mutui per pagare a rate la spesa corrente. E la Corte dei Conti non ha nulla da rilevare su Bilancio del Comune di Pianella?»

03/12/2010 18.10