Pianella, passa l'assestamento del bilancio di previsione

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1649

PIANELLA. Il Consiglio comunale di Pianella ha approvato l’assestamento del bilancio di previsione 2010.MINORANZA: «EQUILIBRISMI DI BILANCIO E CONDONI FAI DA TE»

Lo ha ufficializzato il sindaco Giorgio D’Ambrosio in seguito all’approvazione ufficiale avvenuta nel corso della seduta di ieri dell’Assemblea comunale.

«Il Consiglio comunale - ha continuato il primo cittadino – ha espresso parere favorevole sull’assestamento del bilancio di previsione 2010. Un dato significativo, che sancisce il riequilibrio delle varie spese attraverso programmi integrati. Per il futuro stiamo già predisponendo l’attuazione di una politica degli investimenti, che produrrà sicuramente risultati proficui per la città».

Un introito rilevante è rappresentato dall’indennizzo di 470mila euro ottenuto dalla Mediass Gpa di Pescara a risarcimento del sisma del 6 aprile 2009.

«L’amministrazione comunale – ha spiegato il sindaco D’Ambrosio – ha dimostrato la propria lungimiranza nel dotarsi qualche tempo fa di una polizza assicurativa che garantisce anche la copertura su eventi naturali e catastrofici quali i terremoti. Una clausola che ci consentirà di incassare nel 2011 ben 470mila euro da destinare al recupero degli edifici danneggiati dal sisma, in primo luogo la chiesa di Sant’Antonio».

L’Assise ha, inoltre, espresso parere positivo sull’accordo di programma per il miglioramento della viabilità di collegamento tra la Sr 602 e la SS81. «Si tratta di una permuta – ha precisato il sindaco D’Ambrosio – dei tratti stradali tra il Comune di Pianella e la Provincia di Pescara: la circonvallazione di Cerratina diventerà provinciale, mentre il tratto urbano si trasformerà in comunale».

Via libera del Consiglio anche alla donazione al Comune da parte del dottor Giuliano Morelli di un lotto di terreno situato a Cerratina, il cui ricavato verrà utilizzato per ristrutturare l’edificio già esistente all’interno dell’area, che sarà finalizzato ai servizi sociali. Infine sono stati approvati i criteri generali in materia di ordinamento degli uffici e dei servizi, ed è stata ufficializzata la nomina di Ademaro Crisante, già consigliere comunale, a nuovo assessore con deleghe in Servizi Sociali, Cimiteri, Diritto allo Studio Pubblica Istruzione, Mensa trasporto e Asilo nido. 01/12/10 9.02

MINORANZA: «EQUILIBRISMI DI BILANCIO E CONDONI FAI DA TE»

In una nota diffusa a margine del Consiglio i consiglieri Sandro Marinelli, Romeo Aramini e Antonio Berardinucci, del gruppo di minoranza PDL-UDC, hanno fortemente criticato l’operato della maggioranza in ordine alla gestione finanziaria dell’ente.

«Più che di equilibri- ha detto il capogruppo Sandro Marinelli – si tratta di veri e propri equilibrismi in materia contabile, visto che dopo aver approvato nel termine previsto dalla legge (30 settembre) la verifica degli equilibri di bilancio senza adottare alcun correttivo sostenendo che non ve ne fosse necessità, oggi, dopo due mesi dalla delibera e dal termine per approvarla, si ripresenta lo stesso provvedimento, questa volta contenente una manovra correttiva per oltre 300.000 euro».

«Il dato più allarmante, tuttavia, - proseguono i consiglieri di minoranza – è rappresentato dall’utilizzo delle somme versate dai privati per gli accordi di programma per la copertura delle spese correnti, in violazione dell’espresso divieto di legge: tale situazione è doppiamente grave, sia perché distoglie le uniche risorse destinate agli interventi nel capoluogo e sia perché, come del resto più volte denunciato in consiglio, si è di fatto generato un perverso fenomeno di condoni edilizi a domanda, poiché si è consentito ad alcuni di derogare al P.R.G. ed al regolamento edilizio, semplicemente pagando un obolo».

«Segnaleremo la questione al Prefetto – concludono i consiglieri di minoranza – poiché riteniamo che al Comune di Pianella la gestione finanziaria non sia conforme ai principi di regolarità contabile e, soprattutto, in quanto l’utilizzo degli strumenti degli accordi di programma per acquisire denaro da riversare nelle casse comunali, abbia di fatto introdotto illegittime forme di condono edilizio preventivo che in molti casi hanno favorito speculazioni edilizie stravolgendo il territorio e la pianificazione urbanistica e che vanno al più presto interrotte».

01/12/10 16.17