Tocco da Casauria, Zaccagnini riflette sulle dimissioni...e va da Augias

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2385

TOCCO DA CASAURIA. Giorni decisivi per il destino del Comune.

Tra una settimana termineranno i venti giorni di tempo per risanare la crisi che ha indotto il sindaco Riziero Zaccagnini a presentare le sue dimissioni, lo scorso 4 novembre. Proprio per questo il sindaco ha convocato l'intera maggioranza per oggi: alle 21 si terrà una riunione in cui verrà definitivamente verificato se sussistano le condizioni per condurre a termine il mandato elettorale.

«La questione è per il paese della massima importanza, ma resta chiara e semplice nei contenuti – dichiara il sindaco Riziero Zaccagnini – A un anno e mezzo dalla fine del nostro incarico abbiamo l'esigenza di dire con nettezza ai cittadini su quali basi costruiremo il programma di fine mandato e chi tra noi ha davvero voglia di portare fino in fondo il nostro progetto. Condizione imprescindibile per essere credibili di fronte alla cittadinanza è la fiducia nel programma elettorale e nella mia persona quale guida del nostro progetto. Se c'è qualcuno che non crede giusto riconoscermi tale ruolo, ritengo debba serenamente prendere posizione a riguardo. Quanto a me, nel rispetto degli elettori e per senso di responsabilità nei confronti del paese, sono pronto a ripartire domani stesso discutendo di tutto: prima, però, è necessario che i consiglieri si esprimano formalmente sulla più scontata delle richieste, la fiducia al sindaco».

Sarà questa l'ultima verifica che il sindaco e i consiglieri firmatari del documento di fiducia proporranno prima delle definitive dimissioni e del successivo scioglimento del Consiglio comunale. Senza la sottoscrizione del documento di fiducia, il sindaco non ritirerà le dimissioni e il 25 novembre scatterà il commissariamento dell'Ente.

Intanto oggi Zaccagnini sarà ospite alle 12.45 al programma televisivo Le Storie- Diario italiano di Corrado Augias. Argomento della puntata? «Tra raccolta differenziata ed energie rinnovabili, l’Italia è fatta anche da sindaci virtuosi e amministrazioni esemplari».

18/11/10 12.00