Filovia, ennesima manifestazione per il 'no'. «Mascia ci nega piazza Salotto»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1448

PESCARA. Il coordinamento No Filovia prosegue la sua protesta pacifica per salvare la strada parco.

Questo pomeriggio (ore 16) è in programma una manifestazione "L'ambiente al Centro", una sorta di evento che vedrà la partecipazione di numerose associazioni cittadine, quali Abruzzo Sostenibile, Comitato natura Verde, Comitato Abruzzese del Paesaggio e Associazione Vittime della Strada, oltre a Pd, Rifondazione Comunista e Italia dei Valori.

Nel corso della manifestazione, che si concluderà con uno spettacolo musicale, verranno trattate varie problematiche ambientali, come la petrolizzazione in Abruzzo, le politiche di tutela e salvaguardia del territorio e la situazione macerie a L'Aquila.

La manifestazione si sarebbe dovuta svolgere inizialmente in Piazza della Rinascita, ma come denunciato dal portavoce del Comitato No Filovia, Antonella De Cecco, il sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia, ha negato con una apposita ordinanza l'utilizzo di Piazza Salotto, concedendo invece Piazza Sacro Cuore.

«In questi giorni - ha detto Antonella De Cecco - sono state dette tante falsità. Vogliamo sottolineare fra le altre cose, che noi ci siamo spostati verso Sud, con il nostro gazebo, proprio per non ostruire il lavoro degli operai. La nostra è una protesta pacifica, ma con sempre maggiori adesioni. Anche i tanti che non vengono ai vari sit-in, sono d'accordo con la nostra protesta».

Il comitato ribadisce la propria contrarietà alla costruzione di una filovia «che non risolverebbe il problema traffico e smog e che sarebbe elettrificata solo per 5km. Questa é un'opera che costa 31 milioni di euro, di cui 17 solo per i pali e fili elettrici. Costi che ricadranno sui contribuenti e i cittadini di Pescara che hanno potuto vedere - ha concluso la portavoce del Comitato No Filovia - come le domeniche ecologiche non abbiano per nulla ridotto la presenza delle micropolveri nell'aria».

Intanto ieri mattina in Provincia alcuni rappresentanti del Comitato No Filovia, hanno preso parte alla riunione della Commissione Ambiente della Provincia, convocata dalla consigliera dell'Idv Antonella Allegrino in vista del Consiglio Provinciale Straordinario sull’argomento.

   Erano presenti l’ingegner Fabiani della Gtm, Mario Sorgentone, presidente dell’associazione Strada Parco, la stessa De Cecco, portavoce coordinamento No Filovia, Aurelio Giammoretti, presidente dell’Associazione Proposta Popolare (invitato su richiesta di Allegrino),  oltre a una rappresentanza di cittadini residenti.

«E' stato un approfondimento pacato», ha commentato la consigliera dell'Idv, «e prezioso per avviare riflessioni e azioni sulla mobilità, un aspetto che compete alla Provincia, tant’è che la precedente amministrazione ha costituito l’Agenzia della Mobilità con tutti i Comuni del territorio, proprio per programmare e controllare il sistema dei trasporti provinciale e la sua efficienza e connetterlo a realtà interproviciali».

   Durante la seduta sono stati affrontati i dubbi su procedura e legittimità del progetto, «che mai prima d’ora era approdati a Palazzo del Governo». Si è fatto il punto sull’utilità dell’opera per la sola città di Pescara, «a fronte di un territorio più ampio che aspetta da tempo un piano di mobilità vasta, capace di decongestionare le principali arterie viarie dal traffico e di portare avanti scelte coraggiose e innovative su vivibilità, ambiente e benessere della popolazione».

06/11/2010 9.33