Denunciati due giovani che rivendevano merce rubata su Facebook e Ebay

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2248

NOTARESCO. I due giovani avevano deciso di sfruttare le nuove tecnologie per il loro piano d'azione.* MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA, ARRESTATO PREGIUDICATO TOSSICODIPENDENTE

I Carabinieri di Notaresco, agli ordini del Maresciallo Capo Francesco Ruscio, hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Teramo due giovani ventenni C.C. e A.C, con l’accusa di ricettazione.

Nel corso delle indagini i militari, avendo acquisito sufficienti elementi di colpevolezza nei loro confronti, hanno eseguito una perquisizione domiciliare in esecuzione di un decreto della Procura della Repubblica di Teramo emesso su loro richiesta.

Nel corso dell’operazione di polizia, all’interno del garage dei giovani è stato trovato un ciclomotore Malaguti F12 provento di furto perpetrato nella provincia di Teramo e regolarmente denunciato dal proprietario, una carcassa di un ciclomotore piaggio modello Zip, numerose carene e pezzi meccanici di ciclomotori, su cui si stanno svolgendo accurate indagini per verificare la provenienza.

Nel corso dell’attività investigativa, i militari hanno accertato che i due giovani si erano adeguati ai tempi escogitando un sistema facile e veloce per rivendere i pezzi dei ciclomotori di dubbia provenienza.

Infatti rivendevano i pezzi meccanici tramite il noto social Network Facebook e utilizzavano altri siti internet tra i quali il più importante “Ebay”.

05/11/10 10.27

 [pagebreak]

MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA, ARRESTATO PREGIUDICATO TOSSICODIPENDENTE

 CIVITELLA CASANOVA. I Carabinieri della Stazione di Civitella Casanova, in esecuzione di una misura cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Pescara su richiesta del sostituto procuratore della Repubblica, Campochiaro, hanno tratto in arresto D.T, 48enne pregiudicato tossicodipendente. L'uomo è accusato di estorsione continuata e violenza privata nei confronti della propria madre 75enne.

L’attività investigativa, avviata nel corso di alcuni interventi effettuati dai militari per dirimere violenti diverbi tra madre e figlio, è stata sviluppata non soltanto dalla denuncia presentata dall’anziana donna, esausta per le continue vessazioni, ma anche con acquisizioni testimoniali di altri familiari e vicini.

I racconti raccolti, infatti, hanno consentito di accertare che l’arrestato, dall’estate dello scorso anno, ha estorto in numerose circostanze somme di denaro alla propria madre per soddisfare futili esigenze personali e, nel contempo, per costringerla ad abbandonare la casa familiare, pretesa ottenuta.

In alcune circostanze la donna è stata oggetto di percosse ed è stata costretta a trovare riparo presso conoscenti.

I militari, nel dare esecuzione al provvedimento, hanno rinvenuto nella disponibilità dell’arrestato, e sequestrato, un pugnale con lama di 20 centimetri, una pistola ad aria compressa e 5 grammi di hascisc. 05/11/2010 10.48.39