Commercio, deroghe domenicali, si aspettano i chiarimenti della Regione

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1682

PESCARA. Vertice in Comune sulle deroghe domenicali degli esercizi commerciali.

Un incontro con l’assessore regionale alle Attività Produttive Castiglione per chiedere un chiarimento circa un articolo normativo presente nella legge sul Commercio che imporrebbe agli esercizi commerciali di compensare nel corso della settimana l’apertura domenicale con un giorno di chiusura a propria scelta.

Una previsione sulla quale l'assessore al Commercio Stefano Cardelli chiede un confronto costruttivo «per venire incontro alle esigenze della piccola e media distribuzione le quali, in tempi di liberalizzazione, devono poter contare sul sostegno delle pubbliche amministrazioni per fronteggiare la crisi del settore».

Cardelli si è fatto così portavoce di una nota congiunta concordata con le sette amministrazioni comunali e le associazioni di categoria che ieri si sono riunite per redigere un calendario congiunto delle prossime deroghe alle chiusure domenicali. Presenti il sindaco di Città Sant’Angelo e gli assessori e dirigenti dei comuni di Ortona, Silvi, San Giovanni Teatino, Francavilla al Mare e Chieti, oltre che i rappresentanti di Confcommercio, Confesercenti, Cgil, Cisl, Uil e Confdistribuzione.

La legge regionale ha ampliato il numero delle aperture domenicali facoltative dei negozi, salite oggi a 44, da distribuire nel corso dell’anno, nello spirito della liberalizzazione del settore. L’obiettivo è quello di concedere all’esercente la facoltà di scegliere se lavorare o meno la domenica, investendo sul personale per garantire la necessaria rotazione, e fronteggiando anche la concorrenza degli altri mercati.

«Oggi però», sottolinea Cardelli, «all’interno di quella stessa legge, è prevista una norma che ha bisogno di un approfondimento, relativamente alla necessità posta al singolo commerciante di compensare la giornata di apertura domenicale con una chiusura infrasettimanale da individuare a propria scelta. In realtà già in mattinata abbiamo avuto un contatto con l’assessore regionale Castiglione il quale ha garantito l’emanazione, già nelle prossime ore, di una nota quale interpretazione autentica della norma stessa che sicuramente andrà a confermare il sostegno a quel settore terziario che rappresenta la spina dorsale dell’economia lungo tutta la costa, e che l’amministrazione comunale di Pescara, in particolare, intende rilanciare anche attraverso la costituzione del Centro commerciale naturale».  

27/10/2010 9.17