Anche Di Mattia (Idv) a Helsinki alla conferenza europea dell'Eldr

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1856

PESCARA. Il consigliere provinciale dell'Idv Attilio Di Mattia unico abruzzese a partecipare alla conferenza europea dell'Eldr (European Liberal Democrat and Reform Party)

 

Il Partito Europeo dei Liberali, Democratici e Riformatori (ELDR) è un partito politico europeo che riunisce 49 partiti nazionali che fanno riferimento a comuni ideali liberali, democratici e riformatori. Preceduta da gruppi liberali e democratici già all'epoca della Comunità Europea, è nata da una confederazione di partiti politici nazionali nel marzo del 1976 (ELD-LDE), e oggi il Partito ELDR è un partito politico europeo riconosciuto e incluso come un'associazione no-profit sotto la legislazione belga.

Dal 13 al 15 ottobre Di Mattia ha partecipato a Helsinki alla conferenza europea dell'Eldr.

«Un momento importante», ha commentato al suo ritorno, «per suggerire le linee guida a 56 partiti, in tutta Europa, che si riconoscono nel principio della libertà. Un principio da difendere il più possibile nella politica, nell'economia e in tutti i campi della società». Assieme al consigliere abruzzese nella delegazione italiana Leoluca Orlando, Niccolò Rinaldi, Rudi Russo e Massimo Bernacconi.

Tema della conferenza di quest'anno sono state le sfide portate dai cambiamenti demografici: «è un argomento», ha commentato Di Mattia, «che interessa da vicino un paese come l'Italia, dove l'invecchiamento della popolazione e la ricerca di un sistema pensionistico che sia economicamente sostenibile sono sempre al centro del dibattito politico nazionale».

Si è votato poi per eleggere vice presidente e tesoriere del partito. «Considero centrale per il futuro del nostro paese riuscire ad aprirsi all'Europa: solo in questo modo l'Italia riuscirà a liberarsi dalla logica familistica che troppo spesso preferisce al rispetto delle regole. La presenza nella classe politica italiana di partiti che si riconoscano nei principi del liberalismo europeo va considerata un piccolo passo in avanti».

18/10/2010 15.37