Nascerà il Polo sociosanitario a Marina di Città Sant'Angelo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1527

CITTA’ SANT’ANGELO. Anche Marina di Città Sant'Angelo presto avrà un suo Polo sociosanitario.

 

 

La delibera, che ha approvato lo schema di convenzione con la Medicina di Gruppo Angulum, è stata votata nell'ultimo consiglio comunale.

Nel polo troverà spazio la medicina di gruppo, sull'esempio già sperimentato con successo nel centro storico.

«Questa struttura», ha spiegato l'assessore alla sanità Franco Galli, «andrà a garantire una migliore e più facile accessibilità per i cittadini ai servizi medici di prevenzione e cura, e alle attività di segreteria previste dal sistema sanitario nazionale per la medicina di base. Così riusciremo a migliorare la qualità della vita».

 Il Polo sociosanitario utilizzerà i locali dell'ex scuola elementare di Marina, in via Salara, appositamente ristrutturati dal Comune. L'amministrazione ha deciso di affidarne la gestione a medici di medicina generale operanti nel territorio, secondo quanto prescritto dal piano sociale regionale 2008-2009 e dal piano sanitario regionale 2008-2010. A tal proposito è stata inviata una lettera di invito a tutti i medici e pediatri della città, con allegati schema di convenzione e progetto. La convenzione sarà stipulata con lo studio di medico associato di dottori Angulum, l'unico che abbia dato la disponibilità. La convenzione, della durata di cinque anni, prevede l'obbligo per lo studio medico di favorire l'ingresso di altri medici di medicina generale, in caso di richiesta, l'assegnazione in comodato gratuito dei locali, un contributo da parte dell'Ente di 12.000 euro per i costi di apertura e avviamento del centro.

Il Polo sarà aperto almeno 30  ore a settimana: assieme ai servizi di medicina generale e medicina pediatrica, saranno presenti anche un servizio di segretariato sociale e un servizio sociale professionale.

«Dare una nuova struttura sanitaria alla città è un risultato importante», aggiunge Galli, «anche pensando al momento difficile della sanità regionale. Si verrà a creare, inoltre, un ulteriore luogo con finalità sociali a Marina, un'area di confine dove è necessario che si senta la presenza delle istituzioni». L'assessore ha anche ricordato l'attenzione che da sempre l'amministrazione rivolge ai problemi dei malati: «tramite la Farmacia Comunale, ad esempio, siamo stati i primi ad attivare un servizio distaccato di distribuzione pannoloni, sacche e placche, che interessa centinaia di pazienti, limitando anche l'affollamento all'ospedale di Pescara».

11/10/2010 16.41