Operazione "Ferro vecchio", in manette un pregiudicato: droga e metadone ai giovani del pescarese

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2277

PESCARA. Arrestato un 38enne pregiudicato di Civitaquana per spaccio continuato di sostanze stupefacenti e tentata estorsione.

Questa mattina i carabinieri di Pescara hanno tratto in arresto Domenico Fasciani, 38enne artigiano pregiudicato di Civitaquana, in esecuzione di misura cautelare in carcere emessa dal gip presso il Tribunale di Pescara per il reato di «spaccio continuato di sostanze stupefacenti ed estorsione».
Tre sono state le perquisizioni personali e domiciliari nei confronti di altrettanti indagati per lo stesso reato che hanno consentito di accertare che Fasciani, insieme ad altre due persone si sarebbe reso responsabile dello spaccio di eroina, cocaina e di medicinali ad azione stupefacente come metadone e suboxone nei confronti di numerosi giovani dell’area vestina e domiciliati nei Comuni di Pescara, Chieti, Cepagatti e Spoltore, con i quali concordava incontri e cessioni durante la propria quotidiana attività lavorativa di raccolta materiali ferrosi, tanto da definire le sostanze proprio con tale terminologia in alternativa alle più comuni “caffè” e “birra”.
Gli episodi di spaccio documentati sono stati circa 70, per lo più lungo l’itinerario lavorativo seguito da Fasciani. L’uomo, secondo le ricostruzioni della Procura, avrebbe formulato richieste estorsive ad una giovane coppia di tossicodipendenti di Chieti al fine di ottenere il saldo del credito vantato per le numerose cessioni di stupefacenti degli ultimi 6 mesi. Un’altra persona, M.P, 38enne carpentiere pregiudicato di Cepagatti è stato deferito per il reato di favoreggiamento personale per aver fornito false e reticenti informazioni ai Carabinieri che lo avevano sorpreso dopo un acquisto di stupefacente al fine di eluderne le investigazioni.
Nel corso delle attività sono stati sequestrati complessivamente 5 grammi di cocaina, 5 di eroina, 100 pasticche di “subotex” queste ultime del valore di cambio di circa 2.000 euro, due bilancini elettronici e strumenti da scasso.
13/01/2012 10:12