Coniugi investiti sulle strisce: il marito muore in ospedale

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3871

PESCARA. Falciati sulle strisce pedonali. Due coniugi presi in pieno da un’auto. Entrambi feriti gravemente. Il marito spira in ospedale poco dopo il ricovero.



Sono ancora tutte da chiarire le cause di un incidente mortale avvenuto questa mattina a Pescara sud nei pressi della rotatoria di via Celommi all’incrocio con la strada per San Silvestro. Un uomo di 68 anni, Armando Evangelista, di Torrevecchia Teatina (Chieti), e' morto questa mattina all'ospedale di Pescara, a seguito di un investimento.
 Stava attraversando le strisce pedonali con la moglie quando e' stato travolto da una Mercedes Classe A ed e' deceduto dopo l'arrivo all'ospedale. In gravissime condizioni anche la donna, Carmen Maimon Nunut, nata in Spagna, di 54 anni, anche lei residente a Torrevecchia.

 

La  Mercedes Classe A, condotta da G.A., di 43 anni, originario e residente a Pozzuoli, di professione informatore medico scientifico e giunto a Pescara per lavoro è piombata loro addosso come un proiettile, sbalzandoli a metri di distanza: l’automobilista si è subito fermato per prestare soccorso e dare l’allerta, e l’arrivo dei sanitari è stato immediato con il trasporto dei due investiti in ospedale in codice rosso visto che le condizioni di entrambi sono apparse subito estremamente gravi. Purtroppo per Evangelista, 68 anni lo scorso settembre, originario di Torrevecchia Teatina, non c’è stato nulla da fare, è morto poco dopo l’arrivo in Pronto Soccorso; la moglie, Carmen Maimon Nunut, 65 anni, di origine spagnola, è invece stata ricoverata nel reparto di Ortopedia e traumatologia del Santo Spirito con una prognosi di 60 giorni, ma non è in pericolo di vita. Tutte da accertare le cause dell’incidente avvenuto in pieno giorno, con ottime condizioni di visibilità, su un fondo stradale che non presenta problemi e in una condizione di traffico tranquilla. L’automobilista, che è stato anche sottoposto all’alcoltest con esito negativo, evidentemente sotto shock, è riuscito solo a dire di non aver visto i due pedoni. Saranno ora gli ulteriori accertamenti a dover spiegare la dinamica dello scontro. 
12/01/2012 12:37