Pd, l’ultimatum a Castricone: «un passo indietro per il bene di Montesilvano»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1446

MONTESILVANO. L’appello viene lanciato dal segretario aggiunto del Pd Antonio Di Marco: «no alla guerra con l’Idv».


«È giunto il momento, per il segretario provinciale del Partito Democratico, Toni Castricone, di fare un passo indietro a Montesilvano e di iniziare a lavorare per tenere insieme la coalizione di centrosinistra che si presenterà alle prossime elezioni della città». E’ chiaro e fermo l’invito che arriva da parte del segretario aggiunto Di Marco a pochi giorni dalle primarie del centrosinistra che si terranno domenica prossima.
Castricone, secondo il segretario, avrebbe commesso «diversi errori» durante il percorso delle primarie e «ha fallito quando è sceso in campo in prima persona affinché il centrosinistra si presentasse con un unico candidato».
«Prima», ricorda Di Marco, «ha voluto la candidatura di Fidanza, bruciato prima dell’incontro con le urne delle primarie, dopo si è apertamente schierato con Volpe, a discapito di tutti gli altri candidati del Pd (D’Annunzio e Forestieri, ndr) Il tutto, mentre tutti coloro che si riconoscono nella linea politica del partito da me rappresentata si sono sempre dimostrati disponibili a lavorare per la città, ma questo meccanismo inclusivo, forse, non lo si è apprezzato».
Adesso arriva l’appello di «tenere unita la colazione, con dovere e responsabilità. Non è accettabile entrare in rotta di collisione con l’IdV, sapendo che a Montesilvano c’è bisogno di una politica forte, autorevole e consapevole, capace di governare una città tanto delicata ed importante come Montesilvano. Voglio ricordare al Segretario provinciale, infatti, che non si sta parlando di piccoli Comuni, con meno di 1000 abitanti, i quali comunque hanno sicuramente difficoltà gestionali, ma un minor consenso elettorale da interpretare. Mi auguro che da qui in avanti il partito lavori davvero per garantire a Montesilvano il sindaco di centrosinistra che la città merita e vuole».

10/01/2012 12:47