Penne, 46,2% di Tarsu in più. Baldacchini: «la spazzatura più costosa della Provincia»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1912

PENNE. Rifiuti d’oro. E’ proprio il caso di dirlo a Penne dove la tassa sulla spazzatura (Tarsu )è lievitata del 46,2 %.

Tutta colpa dell’aumento dei costi di smaltimento dei rifiuti -si giustifica la maggioranza di centrosinistra - ma c’è chi come il coordinatore cittadino del Pdl, Antonio Baldacchini esprime forti dubbi.  Sarà proprio lui a chiederà lumi al sindaco Rocco D’Alfonso e all’assessore comunale al bilancio sull’aumento, nella seduta straordinaria del Consiglio comunale di oggi.

Dall’attenta analisi del pidiellino i conti non tornano. I rifiuti sono aumentati di sole 163 tonnellate (70 dei quali solo ad agosto) nel 2011(+ 3,5%) rispetto alle precedenti 4237 tonnellate. «Perché il Comune », si chiede Baldacchini, «ha deciso di aumentare la tariffa quest’anno e non in precedenza quando ce n’era più bisogno?». Un altro mistero riguarderebbe «il mancato pagamento da parte del Comune alla Ecoemme la ditta che si occupa dello smaltimento rifiuti a Penne».

L’11 novembre scorso secondo le ricostruzioni del coordinatore arriva un decreto ingiuntivo notificato al Comune di Penne da parte della Deco spa (socio privato di Ecoemme) per il pagamento di 988.204,97 euro oltre a interessi e spese legali. Una cifra da capogiro che il Comune dovrebbe rendere per il servizio rifiuti. La certezza di ciò è una determina con cui l’amministrazione nomina l’avvocato Sandro Rossi come rappresentante legale del Comune per un importo di 3.500 euro.

«Che fine fanno allora i soldi?» è la domanda di Baldacchini, visto che l’ immondizia a Penne è la più costosa della Provincia con 2,50 euro al metro quadro mentre in altri centri si paga addirittura il consumo a persona. «Per non parlare della mancanza di una vera e propria politica ambientale», conclude, «mirata a raggiungere gli obiettivi della raccolta differenziata (oggi è ferma al 13%) che farebbero abbassare i costi delle bollette e carica le inefficienze amministrative sui pennesi».

20/12/2011 10:16