Bambino di 2 anni alla guida di un auto fermato a Rancitelli

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

10039

PESCARA. Quando ieri pomeriggio i carabinieri di Pescara hanno incrociato la Renault Twingo che procedeva senza passeggero non riuscivano a credere ai propri occhi.

PESCARA. Quando ieri pomeriggio i carabinieri di Pescara hanno incrociato la Renault Twingo che procedeva senza passeggero non riuscivano a credere ai propri occhi.

Ma la sorpresa più grande l’hanno avuta solo in un secondo momento, quando si sono accorti che al volante in realtà c’era un bambino di appena due anni. Il piccolo guidatore, incosciente del pericolo che stava correndo, ha scarrozzato il padre per un centinaio di metri prima di essere fermato dai carabinieri in via Lago di Capestrano, quartiere Rancitelli.

Per lui nessuna richiesta di ‘patente e libretto’ (ovviamente) ma l’attenzione si è subito focalizzata sul passeggero. Di fianco al guidatore “in erba”, infatti, era seduto il papà del piccolo, un rom di 35 anni con una lista lunghissima di precedenti penali all’attivo ma attualmente in stato di libertà.

L’uomo, di cui i carabinieri hanno preferito non divulgare il nome per tutelare il minore, stava insegnando al piccolo a guidare e che importa se si è in anticipo di 16 anni o se ilpiccolo nemmeno poggia i piedi a terra e non arriva ai pedali. Il bambino in realtà, hanno spiegato i militari, vista l’impossibilità di arrivare ai pedali con le gambe, si limitava a muove il volante mentre al papà spettava il compito di frenare, in caso di necessità, con il freno a mano. Nel momento del fermo nessuna spiegazione particolare per i motivi di questo folle gesto.

L’uomo non solo si è fatto portare a spasso dal piccolo ma non aveva nemmeno la patente di guida, revocatagli nel 1998 proprio a seguito delle sue vicende penali.

Vista la tenera età del figlio e l’impossibilità di elevargli una sanzione, la multa per guida senza patente è stata comminata allo sprovveduto genitore. Una denuncia di incauto affidamento del mezzo è stata invece elevata ad un amico del rom che ha prestato all’uomo la vettura, pur sapendo che non aveva la patente.

 03/12/2011 15:05