ABRUZZESI DIMENTICATI

Aristide Pollastri dal calcio all’emigrazione negli Usa

Era nato a Castellammare Adriatico, oggi Pescara, nel 1924

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

289

Aristide Pollastri dal calcio all’emigrazione negli Usa

 

ABRUZZO. Aristide Pollastri nacque a Castellammare Adriatico il 28 maggio del 1924 da Vincenzo (“Capo delle guardie Municipali”) e Angiolina Gagliardi (“casalinga e fruttivendola”).

Ebbe una sorella Elisa, nata nel 1927, e un fratellastro Temistocle (nato da un precedente matrimonio di Vincenzo la cui moglie morì prematuramente). Sin da giovanissimo mostrò delle notevoli doti calcistiche accompagnate da una incredibile resistenza fisica. Correva praticamente senza mai stancarsi. Del resto il calcio doveva essere un dono di famiglia se è vero, come è vero, che anche i cugini Umberto e Alfredo De Angelis segnarono la storia calcistica pescarese con la straordinaria “Strapaesana”. Nel 1941-42 arrivò nelle giovanili del Pescara.

Lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale lo portò sul fronte jugoslavo. Combatté con lo stesso coraggio che metteva in campo. Venne ferito e ricoverato in un ospedale di Spalato.

Finita la guerra giocò nel Chieti (1945-46) insieme all’amico Tiriticco.

L’anno successivo andò a Giulianova. Poi il ritorno nella “sua” Pescara e quindi di nuovo a Chieti. Nel campionato 1949-50 arrivò a Matera.

Altro ritorno a Chieti e infine Termoli. Una carriera assai dignitosa a cui la guerra tolse ben tre anni. Forse i migliori. Aristide sposò una donna di Chieti da cui ebbe un bambino Vincenzo “Enzo”.

Le vicende della vita e soprattutto la voglia di migliorare le sue condizioni di vita lo spinsero a rincorrere “il sogno americano”. Negli Stati Uniti riscoprì un mestiere imparato da ragazzo: “il sarto”.

Si stabilì nella bella cittadina di Clearwater in Florida dove non mancava il mare. Quel mare di Pescara che portò sempre nel cuore.

Negli Stati Uniti sposò un’italo-americana originaria di Casamassima in provincia di Bari. Da quel matrimonio arrivò un figlio: Marco Antonio.

Poi il 26 maggio del 2003, un triste lunedì, nell’abitazione del figlio Marco ed assistito dal personale della struttura “Hospice of the Florida Suncoast” Aristide morì. Il figlio americano, Marco Antonio, ha giocato al calcio negli Stati Uniti con discreti risultati ed oggi allena i ragazzi.

 


Geremia Mancini – Presidente onorario “Ambasciatori della fame”