ECONOMIA

Export: crollo Abruzzo verso mercati emergenti in crisi

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

72

Export: crollo Abruzzo verso mercati emergenti in crisi

 

 

ABRUZZO.  Cala drasticamente, in Abruzzo, il valore delle esportazioni verso Russia, Libia, Tunisia e Brasile, ovvero i quattro mercati emergenti in maggiore crisi: nel primo semestre del 2015 si registra una flessione del 50,8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. L'esposizione sui quattro mercati rappresenta per la regione lo 0,61% del valore aggiunto, per un totale di 83 milioni e 772mila euro.

E' quanto emerge da un approfondimento che Confartigianato Abruzzo ha condotto su un'elaborazione del Centro studi della Confederazione nazionale. Nei primi sei mesi di quest'anno, inoltre, il totale delle esportazioni verso i quattro Paesi e' concentrato prevalentemente verso i mercati russi, pari al 61,7%, seguiti da Tunisia (20,8%), Brasile (15,6%) e Tunisia (1,9%). A livello territoriale, la provincia di Chieti assorbe quasi la meta' delle esportazioni delle regione verso i quattro Paesi, che rappresentano l'1,01% del valore aggiunto, dato anche piu' alto della media nazionale: 41,47 milioni di euro di esportazioni, con un calo del 63,8% rispetto al primo semestre del 2014. Seguono la provincia di Pescara (-1,8%, 22 milioni di euro, 0,66% del valore aggiunto), quella di Teramo (-42,3%, 17,14 milioni di euro, 0,55% del valore aggiunto) e quella dell'Aquila (-5,6%, 3,16 milioni di euro, 0,10% del valore aggiunto. A livello nazionale i quattro Paesi sono quelli che tra i dieci maggiori mercati fanno registrare una caduta dell'export superiore ai dieci punti percentuali: Libia (-34,2%), Russia (-28,4%), Tunisia (-10,5%) e Brasile (-10,3%).