SPAZIO

Su Marte vulcanetti di fango, a scoprirli ricercatori Chieti

Formazione sul pianeta rosso tra 3,5 e 2,4 miliardi di anni fa

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1839

Su Marte vulcanetti di fango, a scoprirli ricercatori Chieti




ROMA. Sulla superficie di Marte ci sono 'vulcanetti' di fango che confermano che, almeno in passato, c'era acqua allo stato liquido nel sottosuolo del pianeta rosso; indicano che, sempre in passato, queste strutture geologiche potrebbero aver favorito la vita di microrganismi.
La scoperta, pubblicata sulla rivista della Società Geologica Americana, è italiana e si deve al gruppo dell'Università di D'Annunzio di Chieti coordinato da Monica Pondrelli.
«Sono dei coni di terreno - ha spiegato all'Ansa Pondrelli - con un foro al centro. Si tratta di strutture simili ai vulcanetti di fango che si trovano anche sulla Terra. Entrambi sono legati alla fuoriuscita di liquido dal sottosuolo ma si tratta di materiali diversi».
La formazione di quelli rinvenuti su Marte sarebbe avvenuta tra 3,5 e 2,4 miliardi di anni fa, in una fase di profondo cambiamento climatico per il pianeta rosso, e possono raccontare molti dettagli sul passato di Marte. I 'vulcanetti' analizzati dai ricercatori italiani sono presenti in gran numero nella regione denominata Arabia Terra.
«Sono il prodotto - ha spiegato Pondrelli - di un processo non più attivo, delle formazioni 'fossili', ma non possiamo escludere che non ci sia più acqua nel sottosuolo». Secondo lo studio queste strutture potrebbero in qualche modo aver favorito la presenza di colonie di vita unicellulare, tanto che la regione è stata proposta come sito di atterraggio per la prossima missione di esplorazione robotica programmata dalla Nasa per il 2020.