DELITTO A BIRMINGHAM

Omicidio Leccese, sospettato italiano è rinchiuso in struttura psichiatrica

I giudici dovranno decidere se incriminare il coinquilino

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3312

Omicidio Leccese, sospettato italiano è rinchiuso in struttura psichiatrica

Francesco

LONDRA. E' una tragedia dalla quale la comunità italiana di Birmingham non si è ancora ripresa. Il 21enne aquilano Francesco Leccese, venuto in Inghilterra come tanti altri suoi coetanei per lavorare, è stato accoltellato a morte nella sua abitazione il 18 novembre.
A rendere il caso ancora più drammatico è il fatto che l'unico sospettato è un italiano di vent'anni, che è stato rinchiuso in una struttura psichiatrica in attesa che i giudici decidano se incriminarlo o meno per omicidio. Il dolore fra gli amici e i colleghi di Francesco è fortissimo. Solo pochi giorni fa centinaia di persone hanno partecipato a una fiaccolata per ricordarlo nelle vie di Birmingham che si è conclusa di fronte al casinò in cui il giovane lavorava come croupier, in quello che era il sogno della sua vita.
Tutti lo chiamavano 'Francis', anche se si trovava solo da pochi mesi nel Regno Unito. Le indagini sull'omicidio non sono ancora concluse ma già si delinea il quadro di una probabile lite che è degenerata. L'ipotesi è che il 20enne sospettato, che sarebbe un coinquilino di Francesco, lo abbia accoltellato a morte. L'autopsia ha confermato la causa del decesso, per «ferite da accoltellamento», come si legge sul referto. La polizia delle West Midlands ha detto che il caso è stato aggiornato a gennaio.
Francesco era arrivato in Inghilterra nell'agosto scorso e da inizio novembre era stato assunto a tempo indeterminato come croupier.
L'omicidio del giovane, molto conosciuto all'Aquila dove aveva mantenuto tanti contatti, ha gettato nella disperazione amici e parenti. E' stato descritto come un bravo ragazzo, 'senza grilli per la testa', con la passione per il gioco che lo aveva portato a inviare il suo curriculum all'estero.
Un'altra sua passione era la musica: aveva frequentato il conservatorio dell'Aquila e suonava il pianoforte.