L'INIZIATIVA

25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Iniziative in tutto il mondo mentre i dati indicano una crescita delle vessazioni

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1881

25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne



ROMA.  L'Italia da nord a sud si mobilita oggi, in occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne.
Il 25 novembre è la data scelta dalle Nazioni Unite nel 1999 per sensibilizzare l'opinione pubblica sul fenomeno, in ricordo dell'assassinio delle tre sorelle Mirabal, avvenuto nel 1969 nella Repubblica Dominicana durante il regime di Trujillo. In Italia, dicono indagini recenti, ogni anno più di un milione di donne finisce nella rete dei soprusi al maschile, che si ripetono più volte arrivando alla vergognosa cifra di 14 milioni di atti di violenza (dallo schiaffo allo stupro). Oltre 25 i casi al giorno di stalking.
Per non parlare dei femminicidi, che secondo gli ultimi dati Eures, contano una vittima ogni due giorni. L'attenzione al fenomeno c'è, le analisi e i rapporti si susseguono, ma non è mai abbastanza, se i casi si moltiplicano.
Il nostro Paese si è dotato l'anno scorso di una legge specifica sul contrasto alla violenza di genere, che tra l'altro prevede la definizione di un Piano d'azione nazionale, che però non ha ancora visto la luce. Forse qualche novità arriverà domani, nel corso di un evento organizzato a Roma dal Dipartimento per le Pari opportunità al quale prenderà parte, oltre al ministro per le Riforme costituzionali Maria Elena Boschi, la consigliera del premier Renzi in materia di Pari Opportunità, Giovanna Martelli.

Ma le iniziative previste sono tante. Sempre a Roma, Telefono Rosa organizza un evento al quale parteciperanno, oltre a 2.500 studenti di 43 scuole, il ministro per gli Affari regionali Maria Carmela Lanzetta, il fondatore di Libera don Luigi Ciotti, la vicepresidente del Senato Valeria Fedeli. Al Senato, è in programma un convegno dei centri antiviolenza che dovrebbe vedere la partecipazione del presidente del Senato Grasso.
Sempre nella Capitale, la centrale Piazza del Popolo sarà illuminata di rosso per iniziativa dell'amministrazione comunale e saranno proiettate immagini di donne sulle mura della piazza. All'Auditorium Cà Granda di Milano si terrà uno spettacolo teatrale 'Ti amo alla follia-Stop violence' mentre a piazza San Babila saranno offerte 'clementine antiviolenza', un'idea del coordinamento donne Cgil, Cisl e Uil: 150 kg clementine donate dalle imprenditrici di Confagricoltura Donna Calabria in ricordo di Fabiana Luzi uccisa dall'ex fidanzato in un agrumeto. 

A Bologna, al via la campagna, 'Gender Washing', di 'pulizia' dell'immagine delle donne da parte delle aziende. All'Università di Padova, un'iniziativa di confronto fra medici, magistrati e forze di polizia: l'idea è creare una rete fra pronto soccorso per segnalare se la stessa donna si è fatta medicare in diversi ospedali per coprire la violenza. Torino ha in programma l'intitolazione di un giardino alle donne vittime di femminicidio.
Un flash-mob in ricordo della violenza di genere si terrà a Pisa a cura della Casa delle donna insieme al Comune. A Campobasso, i negozi sono stati invitati dal Comune a esporre in vetrina scarpe rosse, simbolo del femminicidio, mentre un fiocco bianco sarà collocato nelle vetrine nei negozi del centro storico di Potenza e anche di Bolzano. E' in corso un tour per l'Italia di Rosaria Aprea, la cosiddetta Miss Coraggio, gravemente ferita dal suo partner, per sensibilizzare sulla prevenzione e sull'educazione fra i generi. A Catanzaro rappresentazione teatrale di un'opera di Edward Allan Baker, 'Dolores. Due sorelle, due storie, una violenza'. Infine, flash-mob delle donne a Siracusa davanti al palazzo di giustizia.
Molte iniziative anche in Abruzzo.