ECCELLENZE

Predisposizione all’autismo, su riviste scientifiche gli studi di un ricercatore di Teramo

Silvestre Sampino ha già ricevuto offerte di lavoro all’estero

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3835

Predisposizione all’autismo, su riviste scientifiche gli studi di un ricercatore di Teramo

Sampino




TERAMO. Sono stati appena pubblicati su riviste inglesi di prestigio due importanti studi riguardanti le neuroscienze, entrambi firmati da Silvestre Sampino, giovane ricercatore dell’Università di Teramo.
Il primo, pubblicato su una rivista del gruppo Nature, Translational Psychiatry, dimostra una maggiore predisposizione all’autismo nella prole generata da padri in età avanzata, predisposizione che viene trasmessa anche alla generazione successiva (Grand-paternal age and the development of autism-like symptoms in mice progeny).
Il secondo studio, pubblicato su una delle più accreditate riviste nel campo della riproduzione umana, Human Reproduction (Oxford Journals), riporta gli effetti di una tecnica utilizzata per la diagnosi genetica pre-impianto, la biopsia embrionale, sullo sviluppo cerebrale del futuro individuo (Effects of blastomere biopsy on postnatal growth and behavior in mice, HUM REP 2014, in press).

«Silvestre Sampino che ha ricevuto quest’anno il titolo di dottore di Ricerca dall’Ateneo – spiega il suo tutor Grazyna Ptak ricercatore e docente della Facoltà di Medicina Veterinaria – è arrivato a Teramo alcuni anni fa dalla Sicilia, per studiare al Corso di laurea in Biotecnologie. Ha continuato quindi con la laurea magistrale in Biotecnologie della Riproduzione per poi partecipare al Dottorato di Ricerca sempre nella sede di Teramo».
«In questo giovane ‒ continua la Ptak ‒ notavo un grande entusiasmo per la ricerca sin dall’inizio. Ora Silvestre è un esempio di giovane ricercatore di successo: appena finito il suo dottorato ha già pubblicato due studi di valore eccezionale e ha già ricevuto offerte di lavoro dall’estero. Auguro un buon proseguimento di studi e tanti successi al giovane collega».