CINEMA

Da Pescara a Dakar, il documentario che racconta le speranze dell’Africa

Storie di emigrazioni, cultura e natura

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5361

Walter Nanni

Walter Nanni


PESCARA. Un viaggio Pescara – Roma – Dakar, attraverso le storie di 4 giovani senegalesi emigrati in Italia.
Un viaggio al contrario: dalle interviste a Pescara e Roma fino a Dakar per visitare le loro case, le loro
famiglie, i loro luoghi di origine, ascoltare i parenti più stretti.
L'intento divulgativo, l'impegno umanitario, la forza e il dramma di queste storie di vita lontane dall'agio occidentale e la bellezza delle immagini di questa terra dai mille volti confluiranno in un lungometraggio documentaristico.
Interviste, immagini, racconto, situazioni metropolitane, cittadine, rurali e di estrema povertà, spesso all'interno della stessa zona geografica. La musica originale sarà appositamente composta.


«Esploreremo a fondo le problematiche e le motivazioni socio-economiche che hanno spinto queste persone ad andare via dal loro luogo nativo», spiegano gli ideatori, «un viaggio al contrario, che ricalchi il loro percorso e approfondisca la loro situazione originaria». La troupe viaggerà con altre 20 persone appartenenti a diverse associazioni benefiche no profit, con la direttrice didattica e una delegazione di studenti dell’Istituto “Algeri Marino” di Casoli (Ch). «Ci recheremo inoltre nel villaggio di Sambotwe, a 600 km dalla capitale, ove tutt'ora mancano i beni primari di una comunità: documenteremo l'inaugurazione di una scuola elementare costruita grazie all’impegno e la collaborazione delle associazioni no profit per dare ai bambini del villaggio l'opportunità di costruirsi un futuro diverso, per permettere loro di inserirsi nella società e di integrarsi con il mondo con la forza della cultura e dell'istruzione».
Il documentario sarà prodotto dalla Media Dream Film sas. Una parte dei costi saranno sostenuti da partner pubblici e privati. L’opera non avrà sponsorizzazioni. I partner, oltre a un contributo economico, dovranno impegnarsi a fare qualcosa di concreto, anche in prima persona, per i bambini e, in generale, per tutti gli abitanti del villaggio di Sambotwe. Il film documentario, girato in HD Broadcast, con le migliori tecnologie,
vedrà la sua distribuzione nel 2014, per la regia di Walter Nanni coadiuvato dal giovane videomaker Andrea Gatopoulos.