FRATELLI ARGENTINI

Abruzzo chiama Argentina: siglati i gemellaggi

Tre comuni stringono un patto di amicizia con altrettanti municipalità argentine

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4310

malargue

La neve di Malargue oggi

ROCCARASO.  Si è tenuto  a Roma, presso l’Ambasciata della Repubblica Argentina, l’evento che ha fatto da cornice alla firma di tre gemellaggi.

I  sindaci di tre importanti Comuni turistici della Regione Abruzzo, Ovindoli, Rocca di Cambio e Roccaraso, hanno siglato i rispettivi atti di gemellaggio con altrettanti Comuni argentini, Ushuaia, San Martin de Los Andes e Malargue, tre delle più famose località turistiche di montagna del Sudamerica, di fama internazionale e sedi di prestigiose stazioni di sci.
«Siamo molto soddisfatti di questa storica firma di gemellaggio italo-argentina», ha dichiarato il Sindaco di Roccaraso, Francesco Di Donato, «un’iniziativa che si inserisce nell’ambito dell’innovativo Programma AISIM - Argentina e Italia per un Sistema Integrato della Montagna - coordinato dal direttore generale responsabile del programma, il dott. Antonello Liberatore, insieme ai funzionari della Ambasciata Argentina. Per la prima volta le tre stazioni sciistiche più importanti d’Abruzzo si sono unite per promuovere la montagna e l’enogastronomia abruzzesi».
Il tutto è iniziato con un pranzo ufficiale nella residenza dell’Ambasciatore Torquato Di Tella, a cui ha fatto seguito la firma ufficiale degli atti da parte di ciascun comune, attraverso collegamenti con le rispettive controparti, in modo da condividere, anche se in maniera virtuale, il momento della firma con i rappresentanti delle istituzioni argentine.
«L’Assessorato al turismo del Comune di Roccaraso», ha poi aggiunto il vice sindaco, Alessandro Amicone, «ha voluto sostenere questo progetto perché crede fermamente che Roccaraso debba e possa aprirsi ai mercati turistici internazionali».
«Obiettivo generale», ha infine aggiunto Amicone, «è quello di uno sviluppo integrato del territorio, attraverso la promozione reciproca tra i comuni gemellati, ma anche trasversalmente, ossia della intera rete di rapporti, offrendo spazi e supporto per scambi di ogni genere: turistici, commerciali, culturali, sportivi, artigianali e dei prodotti locali».
In particolare, a proposito del turismo, uno dei pilastri alla base della proposta di cooperazione è la alternanza delle stagionalità tra i due continenti, per cui l’inverno italiano non coincide con quello argentino, ciò che non crea concorrenza ma anzi favorisce la sinergia tra le località. Si potrà in tal modo –secondo l’amministrazione comunale- stimolare ed agevolare nuovi flussi turistici tra tali località, contando anche sul grande bacino di utenza delle stazioni sci argentine, frequentate da appassionati di tutto il continente sudamericano, Brasile in testa.