IL CASO

Prescrivevano antidepressivi letali ai bambini in cambio di vacanza nei resort

La storia che ha scosso l’America: medici corrotti dalla multinazionale GlaxoSmithKline

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

7276

Prescrivevano antidepressivi letali ai bambini in cambio di vacanza nei resort
USA. «Prescrivete antidepressivi ai bambini e vincerete un viaggio gratis». La multinazionale farmaceutica diceva. Il dottor Fred, Arthur, James, Paul prescriveva. Grandi luminari della psichiatria corrotti. La vita di un bambino in cambio di una settimana gratis in un resort.

«Suo figlio è depresso ha bisogno di un farmaco». Voce plumbea. E via: mamme che intonano dolci ninne nanne e poi rifilano con un bicchiere d’acqua quella pilloletta bianca. «Perché il medico ha detto che fa bene. Forse domani starai meglio piccolo mio. Dormi mio dolce bambino, dormi che il mattino è vicino». Bambini ridotti come larve che decidono di farla finita. Una sfilza di piccoli 14,15 ,16 anni sul letto di morte. L’unica spiegazione al suicidio infantili: era troppo depresso.
L’inferno si è consumato negli Usa. A parlarne è il giornale Fox Business  La multinazionale farmaceutica GlaxoSmithKline quella dallo slogan (Do more, feel better, live longer) ha messo in commercio il Palix un antidepressivo proibito per i minori di 18 anni in quanto il suo effetto non sperimentato su pazienti pediatrici. Il Paxil non è stato mai approvato sui bambini, non ci sono avvertenze particolari sul suo uso pediatrico. La sperimentazione clinica del farmaco nella depressione pediatrica non superava l’effetto placebo delle pastigliette di zucchero, e anzi ha mostrato un tasso di suicidio elevato. Ciononostante GSK ha messo sul mercato Paxil come considerevolmente sicuro e efficace sui bambini depressi.
La compagnia ha corrotto medici, venditori a prescrivere ed i genitori a comprare l’antidepressivo. Prometteva agli psichiatri e consorti viaggi e permanenza gratis nei più grandi e lussuosi resort in Bermuda, Jamaica, Hawaii ed alter località esotiche. Dovevano solo ascoltare tra un cokatails ed un altro le istruzioni per vendere. Vacanze formativo-distruttive.
Al loro ritorno dopo una settimana di training la prescrizione ai genitori apprensivi: «da assumere una volta al giorno con acqua». Nelle sale d’aspetto un aitante giovane ed una bella ragazza spiegavano how to use it (come usare l’arma).
Una frode dice il tribunale distrettuale degli Stati Uniti in Massachusetts, messa su con lo scopo di ingannare medici, pazienti, regolatori federali e piani sanitari. Secondo il rapporto del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti la truffa è andata avanti tra il 1999 and 2010. Tra il 1999 ed il 2003, si è assistito ad un consumo di Palix esorbitante.


L’azienda è stata condannata al risarcimento di milioni di dollari alle famiglie che hanno intentato causa tramite le assicurazioni. Lunedì il gigante cattivo ha fatto sapere che vorrà patteggiare per 3 miliardi di dollari. Nessuno restituirà quanto perduto. I piccoli Gim, Mary, Frank suicidatisi non ritorneranno dall’Ade.
Il manager esecutivo del colosso Andrew Witty chiede scusa. La politica del gruppo è cambiata, dice, «esprimo tutta la mia disapprovazione per quanto accaduto».
Restano le parole dei dottori pentiti che, come si legge da Fox Business, descrivono le loro allegre vacanze formative.
«I meetings erano fantastici, sempre in resorts spettacolari come El Conquistador Resort & Golden Door Spa a Puerto Rico, il Rio Mar Beach Resort alle Hawaii, ed il Renaissance Esmeralda Resort & Spa a Palm Springs, in California. La GSK pagava 750 dollari di onorario, il viaggio e tutto era offerto: dalle cene, al golf golf, all’intrattenimento».
Un altro scrive che «è stato un assaggio di lussuria». Uno psichiatra dal Forum 2001 meeting di Palm Springs: «un posto meraviglioso. Sia io che mia moglie ci siamo divertiti in questo viaggio grazie all’antidepressivo».
E restano i gridi dei bambini che non ce l’hanno fatto, dall’aldilà: «eravamo troppo tristi e depressi per poter vivere in questo mondo mostruoso».


Marirosa Barbieri