MAFIA

Sonia Alfano eletta presidente della Commissione antimafia europea

Eletta per acclamazione oggi a Strasburgo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4177

   Sonia Alfano eletta presidente della Commissione antimafia europea
STRASBURGO. L’europarlamentare Sonia Alfano è il Presidente della Commissione Antimafia Europea (CRIM).

E’ stata eletta per acclamazione oggi a Strasburgo, durante la seduta costitutiva del nuovo organismo sul crimine organizzato, la corruzione e il riciclaggio di denaro, istituito il 14 marzo scorso. Si tratta della prima Commissione Antimafia dell’Unione Europea, che quindi segna in maniera importante il corso della storia delle Istituzioni europee e della lotta globale alle mafie. La Commissione, composta da 45 membri del Parlamento e il cui mandato avrà la durata di un anno, rinnovabile per una volta, si occuperà di rafforzare la cooperazione tra tutti gli organi che, a livello nazionale, europeo e internazionale, sono impegnati nella lotta al crimine organizzato. L’obiettivo è quello di predisporre un piano di contrasto a livello europeo, con la previsione di un testo unico antimafia, che permetta in tutti i paesi dell’Unione Europea di punire la partecipazione ad organizzazioni mafiose, di aggredire i patrimoni criminali e di contrastare efficacemente i fenomeni corruttivi e il riciclaggio di denaro, compreso quello attraverso il sistema finanziario.

«Questa elezione», ha detto Alfano, «oltre a essere per me motivo di orgoglio, rappresenta una chiara manifestazione di volontà del Parlamento per l’attuazione della politica antimafia europea, già delineata il 25 ottobre scorso con l’approvazione della risoluzione sul crimine organizzato, di cui sono stata relatrice. Adesso affronteremo questa nuova sfida, consapevoli che le attese sul nostro lavoro sono notevoli. Ciò che guiderà l’impegno della Commissione che ho l’onore di presiedere sarà il rispetto per chi quotidianamente si batte contro le mafie, oltre alla memoria di tutte le vittime innocenti del crimine organizzato e al dolore dei loro familiari».