MONDO

Nuovi “soldati” Usa in Afghanistan: la pulce e lo scarafaggio

Mezzi di controllo e monitoraggio di guerra

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3325

Nuovi “soldati” Usa in Afghanistan: la pulce e lo scarafaggio
AFGHANISTAN. Una pulce meccanica ed uno scarafaggio iper tecnologico.


Sono i nuovi “inviati” di guerra dell’esercito Usa in Afghanistan. Le due creature della società Boston Dynamics saranno utilizzate per controlli di sicurezza, allarmi bomba e ricognizioni.
Prima di andare sul fronte gli insetti meccanici dovranno passare il test di sicurezza ed affidabilità Atec (Army Test and Evaluation Command). L’esercito Usa conta di impiegare 9 pulci di sabbia e tre scarafaggi.
Lo scarafaggio RHex  pesa poco meno di 14 chili, ha una batteria della durata di sei ore e può essere controllato da un operatore fino a 650 metri di distanza. Come un vero e proprio insetto riesce ad attraversare aree impervie, a risalire la china, attraversare ruscelli, scale, terreni rocciosi ed è in grado di nuotare persino sott’acqua mentre riprende il suo tragitto e restituisce le immagini in tempo reale.
La pulce di sabbia  creata dalla collaborazione della Boston Dynamics e la Sandia National Labs pesa circa cinque chili, riesce a saltare oltre i 10 metri di altezza e, grazie alle sue quattro ruote, è in grado di atterrare senza alcun problema su qualunque superficie.
Le batterie del robot reggono fino a 25 salti e la peculiarità dell’insetto risiede nel movimento: riesce a fermarsi, indietreggiare, ruotare.
La pulce è una versione più sofisticata di Precision Urban Hopper, un’ altra macchina in grado di saltare costruita dalla Boston Dynamics nel 2009, in quanto riesce a raggiungere altezze più elevate del suo predecessore da fermo senza rincorsa grazie a pistoni speciali che l’aiutano in fase di lancio.
L’esercito americano ha utilizzato più di 2.000 mini robots nelle sue ultime spedizioni in Afghanistan e la tecnologia militare costituisce sempre più un importante strumento di controllo in territorio straniero.
Marirosa Barbieri