SCIENZA

Nuova vita nello spazio? Scoperto parente prossimo della Terra

Gliese 667 potrebbe contenere l’acqua

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2824

Nuova vita nello spazio? Scoperto parente prossimo della Terra
SPAZIO. La vita è possibile anche su nuove terre? Probabilmente sì.

E’ la  straordinaria scoperta dell’Eso (European Organisation for Astronomical Research) che ha portato alla luce un super-Terra Gliese 667 dove sarebbe possibile la presenza di  acqua e quindi di vita.
Un risultato ottenuto dopo anni di studi dai quali è stato evidenziato che le super-terre (i pianeti poco più grandi della nostra Terra), sono molto spesso associate alle nane rosse. L’osservatorio astronomico ha analizzato una serie di elementi (atmosfera, presenza di acqua, conformazione) dei nuovi pianeti.
Gliese 667 ha qualcosa in più rispetto alle “sorelle”. E’  4 volte la massa della Terra equasi certamente ha le condizioni adatte per l’esistenza di acqua allo stato liquido,trovandosi molto vicino al centro della zona abitabile, la regione di spazio entro cui la temperatura permette all'acqua di essere liquida.
Secondo gli esperti il pianeta potrebbe essere il primo di una lunga serie di super terre abitabili
 «Le nostre nuove osservazioni indicano che circa il 40% di tutte le nane rosse ha una super-Terra in orbita nella zona abitabile, dove l'acqua può esistere allo stato liquido sulla superficie del pianeta», ha dichiarato Xavier Bonfils dell’Observatoire des Sciences de l'Univers de Grenoble, in Francia, «poichè le nane rosse sono così comuni, ce ne sono circa 160 miliardi solo nella Via Lattea, questo ci porta al sorprendente risultato che ci sono decine di miliardi di questi pianeti solo nella Via Lattea».

GLI INTOPPI
Il problema contro cui gli scienziati si sono scontrati  è la presenza/assenza dell’acqua, condizione necessaria per la vita. Ad alte temperature e pressioni non è detto che l'acqua sia in una forma tale da permettere lo sviluppo della vita, ma potrebbe, ad esempio, essere ghiaccio bollente. E’ per questo che l’ Eso  ha condotto una serie di studi volti a verificare questa circostanza.

NUVOLE E VAPORI
Altri studi sono stati condotti anche sull’atmosfera attorno alle super terre. In particolare l’Eso ha scoperto chesolitamente l’atmosfera attorno a questi pianeti è caratterizzata da nuvole dense. Gli scienziati sono giunti a queste conclusioni analizzando la luce proveniente dalla nana rossa mentre la super terra le passava davanti. Durante il passaggio gli strumenti astronomici hanno catturato lo spettro di luce ed analizzato i composti chimici presenti.

L’ANTESIGNANA: GJ667Cc
La prima super terra scoperta è  la GJ667Cc  grazie ad un team di astrofisici tedesco-americani, che hanno individuato un pianeta simile alla terra a 22 anni luce di distanza da noi. La nuova Super-Terra ha una massa 4,5 volte superiore a quella del nostro pianeta e pur essendo roccioso come la Terra, non è ricco di elementi chimici pesanti come ferro, carbonio e silicio.

m.b.