MONDO

Wikileaks rivela: «il corpo di Bin Laden in America non in mare»

La versione ufficiale della Casa Bianca vacilla

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5266

 Wikileaks rivela: «il corpo di Bin Laden in America non in mare»
USA. In molti lo pensavano in mare, altri avevano espresso dubbi sin dall’inizio.

Oggi, le rivelazioni shock di Wikileaks aprono nuovi dubbi sul corpo di Osama Bin Laden. Alcune email dell'agenzia di intelligence Stratfor, trafugate dagli hacker di Anonymous e pubblicate da Wikileaks mettono in dubbio la versione ufficiale della Casa Bianca secondo cui il cadavere era stato gettato in mare (nelle acque settentrionali del Golfo Persico), dopo un funerale con rito islamico celebrato a bordo della portaerei Usa.
Le rivelazioni segrete sono venute fuori da messaggi email del 2 maggio tra il vicepresidente e responsabile dell'intelligence di Stratfor, Fred Burton e George Friedmann sempre della Statford.
In un messaggio di posta elettronica Burton scriveva: «da quanto ci dicono, abbiamo preso il cadavere con noi». In una mail successiva, inviata alle 5:51 dello stesso giorno si legge: «il corpo è diretto a Dover, nel Delaware a bordo di un aereo della Cia. Da lì procederà per l'Istituto di patologia delle forze armate a Bethesda presumibilmente nel Maryland».
Poi, Burton avrebbe aggiunto: «se il corpo è stato buttato in mare, cosa che dubito, sembra un caso alla Adolph Eichmann» riferendosi alla velocissima cremazione del nazista Eichmann che seguì alla cattura, al processo e all'esecuzione del criminale nazista, per evitare che la sua figura potesse essere esaltata da una pubblica sepoltura.
«Gli Usa invece devono rendere disponibili le foto, con Osama bin Laden con le braghe calate, per chiudere la bocca a pazzi come Alex Jones e Glenn Beck (The US Govt needs to make body pics available like the MX's do, with OBL'spants pulled down, to shout down the lunatics like Alex Jones and Glenn)», aveva scritto Burton. 
L'intelligence di Stratford è stata attaccata dagli hacker di Anonymous il 24 dicembre scorso. Da allora gli anonymous sono venuti in possesso di documenti scottanti.
m.b.